FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Eurostat: Italia maglia nera nellʼUe per spesa destinata a scuola e cultura

I dati sono relativi al 2014: gli investimenti pubblici nellʼeducazione sono stati il 7,9% a fronte del 10,2% medio europeo

Eurostat: Italia maglia nera nell'Ue per spesa destinata a scuola e cultura

L'Italia è all'ultimo posto in Europa per percentuale di spesa pubblica destinata all'educazione (7,9% nel 2014 a fronte del 10,2% medio Ue) e al penultimo posto per quella destinata alla cultura (1,4% a fronte del 2,1% medio Ue). E' quanto emerge da dati Eurostat sulla spesa governativa divisa per funzione, secondo i quali è invece sopra la media la spesa per la protezione sociale (41,8% a fronte del 40,2% dell'Ue a 28).

Se si guarda alla percentuale sul Pil, la spesa italiana per l'educazione è al 4,1% a fronte del 4,9% medio Ue, penultima dopo la Romania (3%) insieme a Spagna, Bulgaria e Slovacchia. Per la protezione sociale l'Italia spende invece il 21,5% del Pil (19,5% la media Ue), ai primi posti dopo Finlandia, Francia, Danimarca e Austria. La spesa pubblica nel 2014 in Italia è stata pari al 51,3% del Pil (48,2% la media Ue), in crescita, ma al di sotto di quella francese (57,5%), belga e di diversi paesi del Nord Europa.

Pubblica amministrazione e sanità - L'Italia registra un livello molto alto di spesa per i servizi generali, l'area nella quale sono compresi oltre agli interessi sul debito anche le spese per gli organi elettivi e gran parte degli investimenti per il funzionamento della pubblica amministrazione. In questo settore l'Italia spende l'8,9% del Pil (a fronte del 6,7% medio Ue) e il 17,4% della spesa pubblica a fronte del 13,9% in Ue (in calo rispetto al 17,5% del 2013 quando in Ue era al 14,1%). Per la sanità il nostro Paese spende invece il 7,2% del Pil (in media con l'Ue) e il 14% della spesa pubblica (15% in Ue).

Università, Italia fanalino di coda - Per quanto riguarda l'istruzione la spesa è in linea con la media nell'educazione primaria e leggermente più bassa per quella secondaria, mentre è molto inferiore per l'educazione terziaria, ovvero universitaria e post universitaria e nella ricerca. La spesa in percentuale sul Pil nell'educazione terziaria è allo 0,8% in media Ue e allo 0,3% in Italia, mentre se si guarda alla percentuale sulla spesa pubblica l'Ue si attesta in media sull'1,6% e l'Italia sullo 0,7%. Nella spesa per l'istruzione terziaria il nostro Paese è il fanalino di coda in ambito europeo, lontanissimo dai livelli tedeschi (0,9% sul Pil e 2% sulla spesa pubblica).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali