FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Elsa Fornero a Tgcom24: "Lʼodio nei miei confronti usato solo per avere voti"

Lʼex ministra del Lavoro e delle Politiche sociali è intervenuta ai microfoni di "Pil&Contropil" in onda venerdì 21 settembre alle ore 19.30 su Tgcom24

L'ex ministra del Lavoro e delle Politiche sociali Elsa Fornero è intervenuta ai microfoni di "Pil&Contropil" in onda venerdì 21 settembre alle ore 19.30 su Tgcom24 e ha ripercorso gli eventi che l'hanno portata a essere uno dei capri espiatori dell'attuale governo: “Vorrei domandare se sembri civile che ci sia stata questa personalizzazione, questo cinico sfruttamento di un nome a scopo di consenso elettorale. Io grazie al Cielo e alle persone a me vicine, anche ai miei studenti, abbastanza forte da superare con equilibrio tutto questo. Però credo che ci dovremmo interrogare, perché questo oggi è capitato a me, potrà capitare ad altri: ma ritengo che si possa contrastare una legge, ma molte delle argomentazioni che sono state usate in modo malvagio, cinico e spietato erano soltanto dirette a creare scontento per poterlo sfruttare. E’ la tecnica conosciuta fin dall’antichità della ricerca di un capro espiatorio: individui qualcuno e dici che è il tuo nemico. E puoi dire che fatto fuori, si spera in maniera metaforica, i tuoi problemi saranno risolti”.

L'ex ministro del governo Monti ha commentato anche l'ipotesi del pensionamento a “quota 100”: “Mettiamo pure che siano 8 miliardi, ma vanno trovati per il 2019, 2020, 2021 e così via… ogni anno. Però si vuole ridurre la tassazione, non si vogliono ridurre le altre spese. Possiamo decidere di spendere ancora per le pensioni, ma a me pare che la cosa importante sarebbe decidere di spendere per il lavoro. Ma non con la logica ‘vai fuori tu che entro io’ perché è una logica che non ci ha portato bene”.

E sull'ipotesi avanzata dall'Esecutivo di realizzare pensioni cosiddette di "cittadinanza", la docente dell'Università di Torino commenta: “Oggi abbiamo pensioni basse anche perché in passato si è consentito di andare in pensione giovani. Alcune persone sono oggi in pensione da 40, 45 anni, quindi hanno una vita da pensionati più lunga della vita da lavoratori”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali