FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Dopo Apple nel mirino del Fisco cʼè Google: potrebbe versare 150 milioni

Il motore di ricerca potrebbe firmare un accordo entro la fine di gennaio

Dopo Apple nel mirino del Fisco c'è Google: potrebbe versare 150 milioni

Dopo i 318 milioni di euro versati da Apple nelle casse dello Stato italiano per chiudere un contenzioso sull'Ires evasa, nel mirino del dipartimento sui reati finanziari di Milano finisce ora Google. Secondo La Repubblica, il motore di ricerca potrebbe firmare un accordo con il Fisco entro la fine di gennaio. La cifra che verserebbe il colosso di Mountain View si dovrebbe aggirare intorno ai 150 milioni.

Stesso schema per pagare mento tasse in Italia - Esattamente come nel caso di Apple, i pm di Milano contestano alla filiale italiana del motore di ricerca californiano, di essersi appoggiati su una società estera, per pagare meno tasse nel nostro Paese. Ma a differenza della società di Cupertino, che non ha contestato la cifra finale, con Google le parti sarebbero ancora distanti sulla somma finale da versare.

Sotto la lente anche Amazon
- E anche altri colossi dell'hi-tech sono finiti sotto l'occhio del Fisco. C'è un report delle Entrate che riguarda il colosso dell'e-commerce Amazon. Sul tavolo dei magistrati è finito poi un fascicolo su Western Digital, compagnia americana di hard disk. Banca d'Italia, inoltre, ha aperto un dossier sulle polizze assicurative di Credit Suisse.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali