FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Crescono opere incompiute, Codacons: "Sono 868, sprechi per 4 miliardi"

La denuncia dellʼassociazione dei consumatori: "A ogni famiglia italiana costano 166 euro". Per completarle servirebbero 1,4 miliardi

Crescono opere incompiute, Codacons: "Sono 868, sprechi per 4 miliardi"

In Italia si segnala un vero boom di opere incompiute, arrivate nel 2014 a quota 868 dopo le 692 del 2013 secondo l'ultimo dato disponibile dell'Anagrafe delle opere. A calcolarlo è il Codacons, secondo cui il costo per ogni famiglia italiana è di 166 euro. Lo spreco complessivo, secondo l'associazione dei consumatori, è di 4 miliardi. Servirebbero 1,4 miliardi per completare le opera avviate e mai completate.

Maglia nera alla Sicilia - Il record negativo spetta alla Sicilia, regione che vede sul proprio territorio ben 215 opere mai concluse. In Abruzzo le infrastrutture non portate a compimento sono passate dalle 33 del 2013 alle 40 del 2014; peggiora la situazione della Calabria: 64 incompiute del 2013, 93 nel 2014, mentre in Lombardia in un anno le opere non terminate sono passate da 19 a 35. Male anche la Puglia: 59 nel 2013, 81 nel 2014.

"Queste infrastrutture sono già costate in media 166 euro a famiglia - afferma il presidente dell'associazione, Carlo Rienzi -. Risorse sottratte alla collettività costretta a finanziare dighe progettate negli anni '60 e poi lasciate in stato di abbandono, porti inaugurati e mai utilizzati, strade che non portano in nessun posto perché lasciate a metà, strutture inutilizzate a causa degli elevati costi di gestione".

A Tor Vergata l'oscar dello spreco - "Il record assoluto dello spreco spetta senza dubbio alla Città dello sport di Tor Vergata, a Roma, costata finora ai cittadini oltre 607 milioni di euro", dichiara ancora il Codacons. "Il fenomeno delle opere incompiute, tuttavia, è assolutamente trasversale: attraversa l'Italia dal nord al sud, e accomuna regioni moderne e all'avanguardia come la Lombardia e il Veneto alle aree meno sviluppate del Mezzogiorno, a dimostrazione che gli sprechi non hanno colore politico o differenze territoriali".

"E pensare - conclude Rienzi - che i miliardi finora spesi per tali infrastrutture irrealizzate, avrebbero potuto abbattere la pressione fiscale per tutti i cittadini ed impedire la nascita di tasse come l'Imu o la Tasi, con benefici immensi per la collettività e l'economia nazionale".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali