FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Dalla intuizione di due sorelle, babbucce comode e sofisticate

Grazie a Viola e Vera Arrivabene, le antiche “furlane” diventano calzature iconico-chic per un’eleganza senza tempo!

Le friulane o più propriamente, secondo la forma dialettale, le “furlane”, sono calzature che affondano le radici nella tradizione delle campagne del nord-est. Nel secondo dopoguerra, i contadini del Friuli, con le poche risorse disponibili, hanno iniziato a confezionare queste pantofole a basso costo, più accessibili delle scarpe in cuoio, resistenti ed impermeabili, ma al tempo stesso comode e delicate. La suola veniva realizzata con i vecchi pneumatici delle biciclette, le imbottiture interne con le tele dei sacchi in juta, le tomaie con le stoffe dei vestiti usati o addirittura con gli stracci.

Dalla intuizione di due sorelle, babbucce comode e sofisticate

Queste confortevoli babbucce si sono diffuse rapidamente anche nelle città, soprattutto a Venezia, diventando ben presto, nella versione in velluto, l’inseparabile divisa dei gondolieri. La suola in gomma, infatti, aveva l’immenso pregio di non rovinare la superficie in vernice delle loro imbarcazioni.

Ai nostri giorni, Viola e Vera Arrivabene, giovani, brillanti e talentuose sorelle, hanno lanciato sul mercato il marchio ViBi Venezia, proponendo una reinterpretazione moderna, iconica e chic, di queste antiche calzature, ed attribuendo loro un’allure signorile, raffinata e di tendenza.
Figlie di Gilberto Arrivabene Valenti Gonzaga, autentico artista del vetro, e di Bianca D’Aosta, consulente di Christie’s, queste due ragazze dalle idee ben chiare e dalla bellezza aristocratica, discendenti di circa quattro case reali, sono cresciute a Venezia, a Palazzo Palladopoli, ed hanno trasformato le contadine furlane, ormai abbandonate dai vogatori della propria città in favore di pratiche sneakers, nell’oggetto privilegiato di un business senza tempo.

Le collezioni ViBi Venezia riassumono il cuore, la cultura e le tradizioni della città, gemma del panorama turistico internazionale. Si articolano in infiniti modelli, tessuti e combinazioni, che nascono proprio dalla passione di Viola e Vera per la tradizione veneziana. Ogni pezzo viene realizzato secondo le tecniche della sapiente artigianalità italiana, utilizzando tessuti pregiati ed originali, finemente rifiniti a mano, perché ciascuno possa catturare, indossando una pantofola, la magia di questa città unica al mondo e portarla con sé, lungo il cammino della propria vita.

Viola e Vera, quali sono le vostre origini? Da dove deriva la vostra passione per la moda?
Siamo cresciute a Venezia, circondate dall’arte che si respira in ogni angolo della città e dalla bellezza unica dei suoi colori. Sin da bambine sapevamo che la moda sarebbe stata il nostro futuro. Sognavamo una quotidianità fatta di lavoro sui bozzetti, tessuti da scegliere e fantasie da abbinare.
 
Qual è stato il vostro percorso formativo? Quali sono le caratteristiche che contraddistinguono la personalità di ciascuna di voi? Simili o complementari? 
Siamo sicuramente complementari. Guardare la vita da due punti di vista diversi è spesso vantaggioso perché ci permette di assumere prospettive differenti in un costante confronto creativo.
Viola: “Ho studiato a Londra, alla Marangoni, per poi iniziare a lavorare nel mondo della moda, prima da Love Magazine, successivamente da KarlaOtto e infine come stylist”.
Vera: “Io invece ho studiato Marketing e Comunicazione a Westminster, sempre a Londra, come mia sorella. Mi sono quindi affacciata sul mondo del lavoro da Smith Petersn Pr e PR&co.”
Ora però siamo entrambe concentrate esclusivamente sul nostro progetto ViBi Venezia.


Quando è com’è nato il vostro brand? Come mai “Vibi”? Che cosa significa?
Il nostro brand nasce da un’intuizione. Capitava molto spesso, infatti, che amici, conoscenti e familiari chiedessero il nostro aiuto per ottenere le furlane, così difficili da trovare. Abbiamo quindi deciso di metterci in affari e di creare Vibi Venezia, dove “Vi” sta per Viola e “Bi” per Bibi, soprannome di Vera. Attraverso una nostra rivisitazione personalissima, abbiamo dato nuova vita alle tradizionali calzature dei gondolieri veneziani.

Quali sono gli elementi distintivi che caratterizzano le vostre collezioni?
Le nostre calzature sono rigorosamente Made in Italy. Ogni pezzo viene confezionato dalle mani esperte di sapienti artigiani, utilizzando stoffe di massimo pregio. Preferiamo tessuti e patterns che ci ricordino persone a noi care. Introduciamo spesso elementi che riconducano il nostro pensiero alla bellezza dell’estate italiana. Ogni modello di ViBi Venezia ha un proprio nome, scelto perché appartenente ad un amico o ad un familiare.  
Le collezioni vengono concepite in un costante ondeggiare, come su una gondola, tra le nostre radici venete, sempre ben evidenti, e il desiderio di creare, al tempo stesso, un prodotto cosmopolita.

 
Quale importanza hanno avuto le vendite online e le piattaforme social nell’affermazione e nella crescita del vostro business? 
Le vendite online sono state, e continuano ad essere, molto importanti perché ci permettono di raggiungere tutto il mondo con un semplice click. Crediamo anche nell’utilizzo dei social network, che gestiamo in prima persona: amiamo interagire direttamente con i nostri clienti, effettivi o potenziali, al fine di capire e di interpretare al meglio le esigenze del mercato. Per la distribuzione del nostro prodotto, abbiamo poi scelto delle boutique selezionatissime, per esempio a Milano, Londra, Berlino, Tokio, Positano e Patmos, nella convinzione che, insieme al e-commerce, sia fondamentale sviluppare anche la vendita tradizionale in negozio.
 
Qual è oggi il pubblico a cui vi rivolgete?  
Ci rivolgiamo a tutti coloro che desiderino catturare un po’ di Venezia da portare con sé in giro per il mondo. Abbiamo modelli per una clientela sia femminile che maschile, senza dimenticare le creazioni meravigliose per i più piccoli che, come i loro genitori, vogliono essere sempre chic e alla moda.
 
Cosa c’è di Viola e Vera, della vostra cultura e del vostro mondo, nelle  vostre creazioni?
C’è davvero tantissimo di noi in tutte le collezioni, curiamo personalmente ogni dettaglio delle nostre scarpe. Se un modello non ci rispecchia davvero allora non ci appartiene! Amiamo riconoscerci in quello che creiamo, amiamo sentire nostra ogni singola scelta.
 
Babbucce comode e raffinate, rigorosamente flat. Ma i tacchi? Voi li indossate? 
Viola: “Io amo portare i tacchi, soprattutto se partecipo ad un’occasione che li richieda. Vera invece non li considera proprio, per lei vale soltanto il rigorosamente flat!”
 
Chi sono Viola e Vera quando non vestono i panni delle stiliste e imprenditrici di moda? 
Siamo due giovani donne innamorate del nostro lavoro, ma che non vivono esclusivamente per quello. Prima di tutto gli affetti. Per noi è fondamentale passare i weekend in compagnia della nostra famiglia e degli amici più cari. 
 
Il vostro marchio in pochi anni ha raggiunto importanti traguardi. Abbiamo visto le friulane ViBi Venezia ai piedi della top model Kate Moss per le strade di Soho. E adesso cosa sognate per il futuro del vostro brand?
Sogniamo che ViBi Venezia sia sempre più “all around the world”…vogliamo continuare a creare un prodotto di altissima qualità e portare sempre un po’ della nostra Venezia in giro per il mondo! 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali