FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Manovra, approvata la tax credit a sostegno delle piccole librerie

Un aiuto fiscale per sostenere soprattutto i rivenditori storici. Lo ha annunciato con un tweet il ministro dei Beni culturali e del Turismo

Manovra, approvata la tax credit a sostegno delle piccole librerie

La commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento alla manovra che introduce una tax credit per tutte le librerie. Si tratta di un'agevolazione fiscale per aiutare in particolare i piccoli rivenditori, quelli più a rischio di chiusura. Lo ha annunciato via Twitter Dario Franceschini, ministro dei Beni culturali e del Turismo. Previsti sconti fino a 20mila euro.

L'emendamento prevede per la vendita di libri al dettaglio un credito d'imposta su Imu, Tasi, Tari o sull'eventuale affitto
Lo sconto più sostanzioso, fino a 20mila euro, è previsto per le librerie indipendenti, cioè quelle che non appartengono a catene o grandi gruppi. Mentre gli altri esercenti potranno godere di una detrazione più limitata, fino a 10mila euro. Il limite di spesa è fissato a 4 milioni nel 2018 e a 5 milioni annui a decorrere dal 2019. Il credito verrà calcolato sulla base degli importi pagati per Imu, Tari e Tasi per i locali in cui si svolge la vendita oppure delle eventuali spese di locazione. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali