FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Cultura >
  • L'ironia per denunciare la mala gestione dei rifugiati in Italia

L'ironia per denunciare la mala gestione dei rifugiati in Italia

Il libro di Marco Ehalard racconta il fenomeno dei richiedenti asilo
e le responsabilità della politica e di parte del terzo settore

L'ironia per denunciare la mala gestione dei rifugiati in Italia

- In tutte le librerie “Terzo settore in fondo - Cronistoria semiseria di un operatore sociale precario” per la Edizioni Spartaco. Opera prima di Marco Ehlardo, ex operatore sociale napoletano impegnato per quasi dieci anni nel campo dell’immigrazione e del diritto d’asilo, il libro - definibile una docu-fiction - è una denuncia, in forma ironica, sulla mala gestione del fenomeno dei richiedenti asilo e dei rifugiati, e sulle responsabilità della politica e di parte del terzo settore.

La storia è incentrata su due personaggi principali. Il primo, Mauro Eliah, è un operatore sociale precario napoletano, impegnato in quotidiane e tragicomiche battaglie con gli enti locali e con i dirigenti della sua stessa organizzazione, più interessati ad assecondare le volontà e i capricci dell’assessore di riferimento che alla missione dell’associazione.

Il secondo, Thomas Compaoré, è un richiedente asilo proveniente dal Burkina Faso, orgoglioso e combattivo, di cui si perdono le tracce a pochi giorni dalla data della sua audizione presso la commissione che deciderà della sua domanda di asilo. L'audizione è prevista proprio per il 20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato; i preparativi per la celebrazione di quella data a Napoli portano allo scoperto un mondo di organizzazioni e soggetti a metà tra il farsesco e l’irresponsabile.

Il libro rifiuta la concezione manichea di un mondo rigidamente diviso in buoni e cattivi facilmente individuabili e distinguibili, ma mette in evidenza quelle zone d’ombra che dall’esterno non ci si aspetterebbe di trovare in un settore usualmente considerato esempio di solidarietà e umanità.

Terzo settore in fondo - racconta Marco Ehlardo - è nato dal desiderio di parlare di temi quali la (mala) gestione del diritto di asilo in Italia e le responsabilità di parte del terzo settore e delle istituzioni, dovute spesso a una loro convivenza non sempre virtuosa, e a una mancanza di accountability, intesa come trasparenza rispetto al proprio operato. Il titolo si presta a più interpretazioni. Da un lato, il terzo settore rimane alla fine (in fondo, appunto) l’unica speranza per i soggetti deboli della nostra società, considerato il deterioramento costante della qualità e della quantità dei servizi pubblici. Da un altro lato, il titolo rappresenta lo stato di buona parte del terzo settore napoletano, sempre più affondato da difficoltà finanziarie e di gestione, sia per colpa di alcuni politici che di quelle associazioni che in passato hanno accettato acriticamente di essere stampella della politica stessa. Infine, il significato è anche quello di parlare del terzo settore dall’interno, dal suo profondo, offrendo il punto di vista critico di chi ne ha fatto parte per moltissimo tempo".

Terzo settore in fondo - Cronistoria semiseria di un operatore sociale precario
di Marco Ehlardo
Edizioni Spartaco
120 pagine
9 euro

Leggi un'anteprima del libro. Se non visualizzi il testo, clicca qui.

 

TAG:
Marco Ehalardo
Terzo settore in fondo
Edizioni Spartaco