FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

"Di cosa stiamo parlando?", un libro su tutti i tic della lingua italiana

Dieci esperti linguistici commentano altrettanti stereotipi del linguaggio colloquiale

"Di cosa stiamo parlando?", un libro su tutti i tic della lingua italiana

Dieci autori (scrittori, linguisti, poeti) commentano altrettanti tic e stereotipi della lingua italiana: dalla chiacchiera da bar ai neologismi prodotti dai social network. "Di cosa stiamo parlando?" (Enrico Damiani Editore, pp. 100, euro 12), un libro scritto a venti mani  che aiuta a "difenderci dall'inquinamento verbale". Tra gli autori Piero Dorfles, volto noto del programma televisivo "Per un pugno di libri" e Teresa Ciabatti, seconda classificata del premio Strega.

Il linguaggio colloquiale italiano è da sempre caratterizzato da modi di dire che esprimono lo spirito del tempo. Alcuni sopravvivono per decenni come "fico" che dagli anni '60 è giunto fino a noi pur tramutando in "figo". Poi ci sono le interiezioni, frutto dei social network, che generano inquinamento linguistico e la cui unica funzione è riempire il vuoto verbale. Gli autori del libro affronteranno questi tempi non per porsi come "censori del lessico", ma per fare ordine nel chiacchiericcio del web.

"Di cosa stiamo parlando?" è in libreria dal 9 novembre e sarà presentato il 19 novembre alla biblioteca del Mudec (Via Tortona, Milano) alle ore 16.30 con il curatore del libro Filippo La Porta e due dei dieci autori: Piero Dorfles e Edorardo Zuccato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali