FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Halloween: ossa da mordere

Halloween: ossa da mordere
  • DIFFICOLTA' media
  • PREPARAZIONE 45'
  • PORZIONI 6-8 persone

I biscotti ossa da mordere sono dei dolcetti famosi in molte regioni d’Italia preparati nei giorni che precedono la festa di Halloween e quella di Ognissanti. Si preparano in Toscana, in Veneto, in Lombardia e Emilia Romagna con la tipica forma di osso o anche ovale. Alcuni utilizzano gli albumi d’uovo, altri le mandorle e il cacao, altri ancora l’uvetta e lo zucchero a velo.

INGREDIENTI

  • farina400 g
  • fecola di patate100 g
  • burro a temperatura ambiente80 g
  • zucchero semolato120 g
  • uova medie2
  • lievito per dolci1 bustina
  • vino bianco dolce100 ml

PROCEDIMENTO

Tagliate il burro a pezzetti, ponetelo in una ciotola capiente e riducetelo in crema con un cucchiaio di legno. Aggiungete lo zucchero semolato e le uova e continuate a impastare per amalgamare il tutto.

Unite quindi la farina setacciata con la fecola e il lievito, incorporatela poco alla volta e versate per ultimo anche il vino bianco. Trasferite l’impasto su un piano di lavoro infarinato e continuate a lavorarlo con le mani per qualche altro minuto (se dovesse risultare troppo liquido e difficile da modellare, aggiungete tanta farina quanta ne serve a renderlo morbido ma sodo).

Ritagliate dei pezzetti dal panetto e da essi ricavate dei bastoncini lunghi circa 10 cm e spessi come un dito mignolo. Esercitate con le dita maggiore pressione al centro di ogni bastoncino affinché le estremità restino più spesse ricordando proprio la forma di un osso. Disponete le ossa da mordere su una placca rivestita di carta da forno.

Cuocete le ossa da mordere in forno già caldo a 180° per circa 20 minuti, fino a quando saranno leggermente dorati. Lasciateli raffreddare e conservateli in un contenitore ermetico.

Lo sapevate che...

La ricetta che vi propongo io è molto familiare ai trevigiani e prevede pochi semplici ingredienti, primo fra tutti il vino bianco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali