FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Vicenza, costringe una donna a lavorare fino al parto: condannato un barista

Secondo la Procura, lʼatteggiamento del datore di lavoro corrisponde a unʼestorsione

Vicenza, costringe una donna a lavorare fino al parto: condannato un barista

Un barista vicentino è stato condannato a cinque mesi e 23 giorni di reclusione per aver costretto una ex dipendente incinta a lavorare fino al giorno del parto. L'uomo, 65 anni, aveva minacciato di far perdere il posto alla donna se non si fosse presentata ogni giorno in servizio, in un bar di Camisano Vicentino. Secondo la Procura di Vicenza, l'atteggiamento del datore di lavoro corrisponde a un'estorsione.

Il 65enne è stato condannato dal giudice nell'udienza preliminare. Il gup Roberto Venditti ha disposto inoltre un risarcimento danni di cinquemila euro nei confronti dell'ex dipendente, una 31enne residente a Camisano (Vicenza).

L'episodio risale al 2011: dopo la gravidanza, la donna è stata costretta a tornare al lavoro quasi subito senza percepire la maternità. "Era assunta a tempo parziale, ma nei suoi confronti è stato portato avanti un atteggiamento criminale", ha affermato l'avvocato della giovane. "Ricorreremo in appello, non c'è stata estorsione né minacce", ha sostenuto invece il legale del barista.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali