FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Audi gialla bruciata, la procura di Treviso: "Chance di cattura ridotte al minimo"

Lʼauto è stata abbandonata. I tre malviventi che la usavano, sentendosi braccati, hanno incendiato la vettura in aperta campagna, vicino ad un torrente, tra i comuni di Oné di Fonte ed Asolo

Audi gialla bruciata, la procura di Treviso: "Chance di cattura ridotte al minimo"

La procura di Treviso alza bandiera bianca sulla vicenda dell'Audi gialla e ammette che, con la distruzione del veicolo, le possibilità di risalire ai banditi sono ridotte al minimo. L'auto, infatti, al centro di una imponente caccia, da giorni, da parte delle forze dell'ordine, è stata bruciata nella notte nel Trevigiano. I tre malviventi che la usavano, braccati, hanno incendiato la vettura in aperta campagna, tra Oné di Fonte ed Asolo.

Audi gialla bruciata, la procura di Treviso: "Chance di cattura ridotte al minimo"

Il procuratore della Repubblica di Treviso, Michele Dalla Costa, si è detto infatti rammaricato "per il troppo clamore mediatico". "Sarà difficile trovare qualche reperto utile - ha aggiunto Dalla Costa - e purtroppo, se fino a ieri avevamo qualche aggancio per individuare gli occupanti, oggi non c'è più neppure questo". La procura di Treviso non è titolare di fascicoli particolari sui reati commessi dalla banda dell'Audi nel territorio, e l'attività di giudiziaria è di tipo puramente di tipo conoscitivo.

L'Audi gialla, rubata a Milano a dicembre, è la vettura con la quale tre banditi si sono resi protagonisti di rocambolesche fughe, sul filo dei 260 km/h e in contromano sul passante di Mestre. Dei malviventi, per il momento, non è stata trovata traccia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali