FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Corpo carbonizzato ad Aosta, fu omicidio dopo rapporto sadomaso

Il cadavere era stato ritrovato il 19 agosto. La vittima era un 52enne francese, mentre lʼassassina, che ha confessato, una 22enne che faceva la escort a Ginevra

Corpo carbonizzato ad Aosta, fu omicidio dopo rapporto sadomaso

E' di un francese di 52 anni residente a Lione il corpo semicarbonizzato trovato a Fenis, vicino ad Aosta, il 19 agosto. L'uomo sarebbe stato ucciso durante un rapporto sadomaso da una 22enne, arrestata dalla polizia francese, che poi ha portato il corpo in Italia. L'identificazione è avvenuta grazie all'incrocio tra l'attività investigativa dei carabinieri e quella dei colleghi francesi.

La giovane, Anaelle P., è stata arrestata venerdì 6 ottobre dalle autorità francesi. Escort a Ginevra (Svizzera), secondo quanto ricostruito dalla polizia francese, ha trasportato il cadavere in Italia attraverso il traforo del Monte Bianco, fino a Fenis.

La scomparsa di Jean-Luc D., tecnico informatico, era stata segnalata ai media il 27 settembre. Dal 16 agosto non si avevano più sue notizie. Quella sera si era recato a Divonne-les-Bains (Francia), al confine con la Svizzera, dove il suo cellulare è stato agganciato per l'ultima volta e la sua auto, una Peugeot 306, è sparita. La donna ha confessato di averlo colpito con due coltellate durante un rapporto sadomaso. Colpi inferti al collo, secondo l'autopsia svolta ad Aosta dal medico legale Roberto Testi. Dopo che il cellulare della vittima si è spento, sono iniziati i prelevamenti con la sua carta di credito, fatti da una persona con il volto coperto. Spostamenti che corrispondono, secondo gli investigatori, a quelli registrati dal telefonino di Anaelle. A casa della giovane, a Saint Genis Pouilly (Francia), sono state trovate tracce di sangue sotto la pittura, che è data di recente.

Le analisi del dna dovranno confermare che il corpo trovato semibruciato appartenga all'informatico di Lione. Nel frattempo gli inquirenti francesi non indagano soltanto per omicidio, ma per sequestro di persona seguito da omicidio, ipotesi di reato a carico di una 'banda organizzata'.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali