FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Uccise carabiniere a bastonate, vedova perdona il ragazzo: non stia in carcere

Dopo una lettera di riconciliazione scritta dalla madre di Matteo Gorelli, le due donne hanno stretto amicizia e hanno organizzato un rave

Uccise carabiniere a bastonate, vedova perdona il ragazzo: non stia in carcere

Dalla rabbia (quando Claudia Francardi chiedeva il carcere contro l'assassino del marito) al perdono. E' arrivato dopo cinque anni dalla morte dell'appuntato carabiniere Antonio Santarelli, ucciso a bastonate nel 2011 per aver fatto una multa per guida in stato di ebrezza nei confronti dell'allora 18enne, Matteo Gorelli, di ritorno, insieme ad altri ragazzi, da un rave nel Grossetano. Il primo passo è stato fatto dalla madre del killer con una lettera per il perdono.

Le due donne si sono subito volute incontrare e la strada del perdono è stata quella percorsa dalla vedova, che invitò la madre di Gorelli all'ospedale di Montecatone dove era ricoverato il marito, che ha passato un lungo anno di agonia in coma prima di morire.

E' nata un'amicizia e anche l'unico modo per guardare al futuro con dignità, spiega Claudia Francardi a La Repubblica. Le due donne hanno deciso di organizzare un rave per il 24-25 aprile (giorno del tragico evento), "non di sostanze, ma di sostanza". Ci saranno anche l'ex magistrato Gherardo Colombo e Guido Bertagna, gesuita che ha scritto "il libro dell'incontro".

"Matteo non dovrebbe stare in carcere", afferma la vedova dell'appuntato perché "per come è organizzato oggi non lascia spazio all'affettività e al dialogo". Il ragazzo ora 22enne si trova nel carcere di Bollate, nel Milanese, dove deve scontare una condanna a 20 anni, in appello. Scrive poesie, dà esami di Scienze dell'Educazione, seguito dall'Università Bicocca.

La donna ha incontrato Gorelli dopo aver conosciuto la madre. "Non è stato facile - racconta -, lui non aveva dormito la notte prima, io ero in ansia. Ci siamo guardati, ci siamo abbracciati, nessuno trovava le parole, ma abbiamo trovato subito molte lacrime". E infine, "io gli ho raccontato chi era l'uomo che aveva ucciso. Bisogna guardare in faccia le cose per quelle che sono".

Le due amiche hanno in comune un filo conduttore e indissolubile, dal quel 25 aprile 2011. Ma non solo. Dalla loro parte ci sono "la voglia di essere persone nuove, di dialogare e andare avanti. Speriamo vengano molti giovani a Repescia, ci saranno anche i 99 Posse. Noi li aspettiamo", conclude la Francardi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali