FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Firenze, "se non vaccinate i vostri figli, niente scuola per la mia bimba Lia"

A 6 anni ha una grave immunodeficienza e non può frequentare la prima elementare perché 8 compagni su 18 non sono stati vaccinati. Lʼappello della mamma alle famiglie dei compagni

Firenze, "se non vaccinate i vostri figli, niente scuola per la mia bimba Lia"

Lia ha sei anni, abita a Greve in Chianti, piccolo comune vicino a Firenze, ed è iscritta in prima elementare. Solo che non può frequentare la scuola, perché è affetta da un'immunodeficienza che le impedisce di sottoporsi ai vaccini contro morbillo, varicella, parotite e rosolia. Troppo pericoloso per lei entrare in classe, visto che 8 dei suoi 18 compagni non sono stati vaccinati.

Se in tutta Italia, per effetto delle campagne anti-vaccini, il numero di bambini non immunizzati sta crescendo in maniera preoccupante, superando la soglia di sicurezza fissato dagli esperti al 5%, la percentuale nella classe di Lia è ben più alta della media nazionale. "Se tutti i bambini attorno a lei fossero vaccinati - dice la mamma della bimba - anche lei sarebbe al sicuro. Allora mi chiedo, e chiedo a tutti i genitori: non ha forse anche lei lo stesso diritto alla salute dei vostri figli?".

A due anni, Lia si è ammalata di una grave forma di mononucleosi che le ha provocato un'encefalite e l'ha messa in pericolo di vita. I medici dell'ospedale pediatrico Meyer l'hanno salvata: come conseguenze, oltre a una parziale sordità all'orecchio, Lia si porta dietro l'immunodeficienza che, in caso di contagio, potrebbe farle nuovamente rischiare la morte. I medici dicono che questa situazione dovrebbe regredire con la crescita, ma intanto la scuola rimane per lei off-limits.

Contattata dalla madre di Lia, la preside della scuola elementare Domenico Giuliotti ha alzato bandiera bianca, spiegando di non poter fare nulla per imporre ai genitori degli altri bambini di vaccinare i figli e consigliandole di far studiare la piccola a casa. I genitori di Lia, però, non ci stanno a condannarla a un'infanzia in isolamento: perciò, sentiti i dottori del Meyer, hanno deciso di ricoverarla per qualche giorno e di farle fare il richiamo delle vaccinazioni in dose ridotta, sperando che gli effetti collaterali non siano troppo pesanti per la bambina.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

>