FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Firenze, bimbi non vaccinati: Lia cambierà scuola

La bimba di sei anni immunodepressa rischiava di compromettere la propria salute. Andrà in un istituto più piccolo

Firenze, bimbi non vaccinati: Lia cambierà scuola

Verrà trasferita in una scuola elementare più piccola la piccola Lia, la bimba di sei anni immunodepressa a causa di una grave malattia avuta a due anni. Lì sarà minore il rischio di entrare in contatto con bambini non vaccinati. La nuova scuola appartiene allo stesso istituto comprensivo, quello di Greve in Chianti (Firenze), frequentato attualmente dalla piccola.

La soluzione, spiega la preside del comprensivo Antonella Zucchelli, è stata presa in accordo con l'amministrazione comunale e con la famiglia. Decisivo l'invio degli ispettori da parte del ministero. Nella scuola che frequentava ora ci sono 260 bambini dai 6 agli 11 anni, molti dei quali non sono stati vaccinati - spiega la dirigente scolastica - per questo abbiamo deciso di trovare una soluzione più protetta, dove c'è meno rischio che possa entrare in contatto con bimbi affetti da malattie esantematiche".

"Ho inviato un ispettore nell'istituto annuncia il direttore dell'Ufficio scolastico regionale per la Toscana, Domenico Petruzzo. Scopo dell'ispezione, spiega Petruzzo al Corriere della Sera, "non è quello di punire qualcuno, ma "di fornire assistenza tecnica per trovare possibili soluzioni insieme alla preside".

"La bimba - conclude Petruzzo - deve frequentare e avere i suoi diritti, tuttavia la questione presenta problemi di varia natura e coinvolge principi importanti, come il diritto di non vaccinarsi e i diritti delle persone con problemi di salute".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali