FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Cinisi, il paese di Peppino Impastato festeggia i 100 anni del boss Di Maggio

Fuochi di artificio e sontuosa cena per lʼultimo padrino della Cupola di Totò Riina

Cinisi, il paese di Peppino Impastato festeggia i 100 anni del boss Di Maggio

Cinisi, paese di Peppino Impastato, giornalista ucciso dalla mafia nel 1978, in festa per i 100 anni di Procopio di Maggio, l'ultimo padrino della Cupola di Totò Riina rimasto in libertà. L'anziano boss ha infatti organizzato per il suo compleanno del 6 gennaio una festa in grande stile con una sontuosa cena per amici e parenti, alcuni arrivati anche dagli Stati Uniti, e finita con tanto di fuochi di artificio.

Inutili i divieti del sindaco - Le foto della festa e dei festeggiamenti "di piazza" sono finiti sui social network, scatenando l'indignazione di molti. Primo fra tutti il sindaco di Cinisi, Giangiacomo Palazzolo che, come racconta il quotidiano "La Repubblica" aveva imposto il divieto di qualsiasi gioco pirotecnico fino al 10 gennaio.

Sindaco: "La nostra città non è mafiosa" - "Non ci devono essere dubbi, Di Maggio è un mafioso, così come suo figlio - ha proseguito Palazzolo -. Ma il paese non è mafioso. E credo che non dobbiamo dare risalto a questo gesto con cui il vecchio Di Maggio ha voluto dire, io sono ancora qui. Finiremmo per fare il suo gioco".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali