FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Roma, apre "Pub & Shop": il primo minimarket di prodotti made in carcere

In vendita solo generi alimentari realizzati dai detenuti degli istituti di pena italiani

Apre a Roma "Pub & Shop", il primo minimarket made in carcere che vende prodotti con denominazioni decisamente stravaganti. Sugli scaffali birre artigianali "vale la pena", caffè "galeotto" e pure i biscotti "cotti in flagranza". Nessuna marca già conosciuta, ma solo pezzi cento per cento galeotti. Si tratta di generi alimentari realizzati dai detenuti nei laboratori delle carceri italiane. Un'opportunità per imparare un mestiere mentre si sconta la pena. "Una grande vittoria avere questa occasione", commenta un detenuto.

Se il fine della pena è proprio quello della rieducazione e del reinserimento nella società del condannato, queste attività permettono al detenuto di reintegrarsi nel mondo del lavoro una volta usciti dal carcere. Anche se all'interno delle mura degli istituti di pena, i reclusi grazie a questi laboratori possono diventare pasticcieri, sarti, allevatori o anche coltivatori.

"Ho fatto tutta la trafila dagli arresti domiciliari fino alla libertà", racconta Daniele Romani, ex detenuto. E dell'opportunità di imparare un mestiere seppur in stato di reclusione dice: "E' importante per il reinserimento nella società".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali