FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Riina, conclusa lʼautopsia sul corpo del boss | La figlia ai giornalisti: vi denuncio

A Parma anche Ninetta Bagarella e il figlio. Potrebbe slittare il rilascio del nulla osta per il trasferimento della salma a Corleone

E' terminata l'autopsia sul corpo di Totò Riina, il boss di Cosa Nostra morto venerdì all'ospedale di Parma. Ora la Procura dovrebbe rilasciare il nulla osta per trasferire la salma in Sicilia e permettere la sepoltura nel cimitero di Corleone, ma il via libera potrebbe tardare. Per consentire gli accertamenti medico-legali, sul decesso è stato aperto un fascicolo per omicidio colposo. La Cei ha escluso ogni possibilità di organizzare esequie pubbliche.

Riina, i familiari allʼospedale di Parma per lʼautopsia

I risultati dell'autospia arriveranno entro 60 giorni, mentre difficilmente, secondo quanto spiegato dal medico legale Rosa Gaudio, il nulla osta della Procura arriva in giornata. A Parma intanto sono arrivati anche la vedova di Totò Riina, Ninetta Bagarella e il figlio Salvo. I due sono giunti a bordo di una Panda e Salvo ha aperto la portiera alla madre, prima di entrare da una porta sul retro. "Fatemi camminare, non vi voglio neanche vedere", ha detto Ninetta Bagarella ai cronisti. La figlia Maria Concetta era già arrivata in precedenza. La visita alla salma è durata poco meno di 30 minuti.

Grasso: "Il suo arresto mi salvò la vita" - Dopo le stragi Falcole e Borsellino, "la scelta cadde su di me, che avevo la colpa di essere stato 'esecutore' del maxiprocesso di Giovanni Falcone. Dovevano uccidermi col tritolo, a Monreale, mentre mi recavo a casa dei miei suoceri". E' il racconto del presidente del Senato, Pietro Grasso, a La Stampa. "Trovarono difficoltà perché vicino al posto designato c'era una banca i cui sistemi di allarme interferivano coi timer mafiosi e c'era il pericolo che la bomba esplodesse quando non doveva. Poi, a gennaio, arrivò la cattura di Riina e perciò sono qui a raccontare".

Pm: "La sua successione è già stata pensata" - "Credo che, per come conosco l'organizzazione mafiosa, avessero già cercato di pensare a una successione. Perché è vero che Riina rappresentava il capo assoluto di Cosa Nostra, ma è anche vero che ormai le sue condizioni facevano facilmente prevedere che di lì breve sarebbe scomparso". E' quanto ha dichiarato Vittorio Teresi, procuratore aggiunto di Palermo.

"Sono abbastanza certo - ha aggiunto il magistrato - che l'organizzazione si sia mossa per prendere le decisioni necessarie: o una gestione collegiale dei vertici o un tentativo di qualcuno di forzare la mano. Nel primo caso avremmo una stagione di politica silente di Cosa Nostra, di sommersione come è stata quella inaugurata da Provenzano o uno scontro, che non è mai da augurarsi".


L'arcivescovo di Monreale: "Nessuna cerimonia, è scomunicato" - "Il mio timore è che adesso la sua tomba possa diventare una meta di pellegrinaggio. Che di Riina si crei un mito". Lo ha affermato monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale. "C'è gente che viene a Corleone per visitare la casa del padrino, i luoghi della mafia. In un albergo c'erano degli americani che chiedevano di vedere le immagini della strage di Capaci. Ho sentito dire che il figlio di un mafioso organizza tour turistici, chissà che informazioni darà".

E sull'ipotesi di esequie pubbliche: "Non ci sarà alcun funerale, ne ho parlato anche con il questore. La salma sarà portata al cimitero e il cappellano, se la famiglia lo chiederà, potrà formulare una preghiera e la benedizione in forma strettamente privata e d'accordo con l'autorità civile. I mafiosi sono scomunicati e il canone 1184 del codice di Diritto canonico, per evitare il pubblico scandalo dei fedeli, stabilisce che i peccatori manifesti e non pentiti devono essere privati delle esequie".

La figlia del boss ai cronisti: "Vi denuncio, ho figli minori" - "Ho dei figli minori, non ho niente da dire, tre bambini piccoli che vedono la foto della madre sui giornali. Vi denuncio". E' quanto ha dichiarato Maria Concetta Riina, la maggiore dei quattro figli del boss di Cosa Nostra morto venerdì, parlando ai giornalisti. "Chiedo rispetto per il dolore di una famiglia", ha aggiunto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali