FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Regeni, "portato via dalla polizia" Nyt: "Pensavano fosse una spia"

Sul suo telefono sarebbero stati trovati contatti con i Fratelli Musulmani. Secondo alcune testimonianze di fonti al Nyt, due agenti avrebbero fermato il giovane e lo avrebbero perquisito prima di portarlo viaLʼautopsia conferma: torturato a morte

Regeni, "portato via dalla polizia" Nyt: "Pensavano fosse una spia"

Il 25 gennaio Giulio Regeni "è stato preso da alcuni agenti", secondo quanto dicono "tre funzionari della sicurezza egiziana coinvolti nelle indagini". La notizia arriva dal New York Times che precisa come, secondo le stesse fonti, il ragazzo "ha reagito bruscamente, si è comportato come un duro". Tutti e tre sostengono che Regeni era finito nel mirino del governo per legami con persone vicine ai Fratelli musulmani ed era considerato "una spia".

I sospetti su di lui erano nati da contatti trovati sul suo telefono. "Diversi testimoni - scrive il New York Times - dicono che intorno alle 7 di sera due agenti in borghese davano la caccia ad alcuni giovani nelle strade". Un ulteriore testimone, che ha chiesto l'anonimato, racconta che i due agenti "hanno fermato l'italiano". "Uno gli ha perquisito lo zaino, mentre l'altro gli ha controllato il passaporto. Quindi lo hanno portato via".

Secondo questa ulteriore testimonianza, "uno dei due agenti era già stato visto nel quartiere in diverse precedenti occasioni, e aveva fatto domande ad alcune persone su Regeni".

Tornando alla testimonianza dei tre funzionari della sicurezza invece, il New York Times ricorda che Regeni stava conducendo ricerche sui sindacati indipendenti in Egitto. Ma, dice uno dei tre funzionari al Nyt, gli agenti "pensavano fosse una spia: dopo tutto - si chiede - chi viene in Egitto a studiare i sindacati?".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali