FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Scontro treni, il pm: "Capistazione hanno cagionato il disastro", ma lʼerrore umano non è la sola causa

I due capotreno sono gli unici ad aver ricevuto avvisi di garanzia ma lʼinchiesta è ampia e complessa. Sabato i funerali delle vittime

Un errore umano. Ma non solo. Le cause della tragedia dei due treni scontratisi nelle campagne tra Andria e Corato sono decisamente più complesse. Lo spiega il procuratore di Trani, Francesco Giannella, definendo "assolutamente riduttivo" il considerare l'errore umano l'unica causa. Intanto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha promesso ai parenti della vittime che "sarà fatta giustizia". Sabato i funerali ad Andria.

Che vi sia stato uno sbaglio da parte di uno, o entrambi i capistazione è ormai un dato acquisito: quello di Andria, Vito Piccarreta, non doveva dare il via al treno fino all'arrivo dell'altro convoglio; quello di Corato, Alessio Porcelli, non si è accorto dell'errore del collega. E' questo il motivo per il quale i due hanno ricevuto avvisi di garanzia "per aver cagionato l'incidente ferroviario" che "ha provocato la morte di 23 persone e il ferimento di altri 50 passeggeri".

I due sono quindi indagati per disastro ferroviario colposo e omicidio colposo plurimo e saranno interrogati nei prossimi giorni. Venerdì, invece, si svolgeranno le autopsie e gli esami tossicologici e istologici sui due macchinisti e sul capotreno. "La dinamica in linea di massima è stata ricostruita" ha detto il procuratore.

Cosa è accaduto allora? Manca ancora qualche tassello, ma il quadro è piuttosto chiaro e le nuove acquisizioni di documenti, atti e immagini negli uffici di Ferrotramviaria e nelle stazioni serviranno a mettere ancora più a fuoco i dettagli che mancano. Dunque tutto sarebbe partito dalla presenza di due treni, entrambi provenienti da Bari. Il primo è transitato nella stazione di Corato in ritardo ed è arrivato regolarmente a Andria. Ma a quel punto il capostazione, invece di attendere l'arrivo del secondo convoglio, ha dato il via libera al treno diretto a sud. Ed invece avrebbe dovuto consentire la partenza solo nel momento in cui avrebbe visto arrivare il secondo treno proveniente da Corato.

Il punto nevralgico dell'indagine, dicono gli inquirenti, è tutto qui: capire se Piccarreta sapeva che i treni in arrivo erano due e, in ogni caso, perchè ha dato il via libera al treno non avendo visto arrivare l'altro. Porcelli, dal canto suo, dovrà invece spiegare come mai, una volta ricevuta la comunicazione dal collega dell'avvenuta partenza del treno da Andria, non abbia immediatamente segnalato che sulla linea era ancora presente il 'suo' treno, quello partito per secondo da Corato.

Ma non c'e' solo questo: gli inquirenti sono convinti che quella mattina si siano verificate sulla linea una serie di "anomalie", forse dei piccoli guasti, forse uno dei treni e' tornato indietro come avrebbero riferito alcuni testimoni, forse ancora l'accavallarsi dei convogli potrebbe aver generato confusione nelle comunicazioni, e qualcosa potrebbe esser saltato. Non risulta invece al momento alcuno scambio di treno ad Andria, come hanno sostenuto alcuni parenti delle vittime. Una circostanza che comunque verrà ulteriormente approfondita. Piccarreta e Porcelli sono dunque al momento gli unici nomi finiti nel registro degli indagati. Ma che siano i soli che dovranno rispondere di questa storia è escluso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali