FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Ilva, di nuovo tutti a giudizio per disastro ambientale a Taranto

Il processo era tornato allʼudienza preliminare dopo che la Corte dʼassise aveva rilevato un vizio di forma. Dibattimento in aula dal 17 maggio

Ilva, di nuovo tutti a giudizio per disastro ambientale a Taranto

Il gup di Taranto, Anna De Simone, ha nuovamente rinviato a giudizio le 44 persone (tra dirigenti Ilva, politici e imprenditori) e le tre società (Ilva, Riva Fire e Riva Forni elettrici) coinvolte nell'inchiesta legata al presunto disastro ambientale causato dallo stabilimento siderurgico. Il processo era tornato all'udienza preliminare dopo che la Corte d'assise aveva rilevato un vizio di forma.

La prima udienza del dibattimento è fissata per il 17 maggio dinanzi alla Corte d'assise. Il vizio di forma che ha costretto a una nuova udienza preliminare era consistito nella mancata indicazione del difensore d'ufficio per dieci imputati sprovvisti del legale di fiducia.

Il collegio giudicante sarà composto dagli stessi due giudici togati (Michele Petrangelo e Fulvia Misserini) che avevano deciso per il rinvio degli atti al gup. Circostanza questa, secondo alcuni legali, che potrebbe essere motivo di nuove eccezioni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali