FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Più rischi attentati con la missione Libia? LʼAntiterrorismo contro Copasir

Le due massime autorità del settore valutano molto diversamente le conseguenze di un impegno dellʼItalia nel Paese africano

Più rischi attentati con la missione Libia? L'Antiterrorismo contro Copasir

Un nostro impegno militare in Libia sarebbe fonte di maggiori rischi dal punto di vista del terrorismo di matrice islamica. Lo afferma il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti, che precisa: "Noi già siamo molto esposti per il solo fatto di essere il Paese leader di questa coalizione in formazione destinata a ripristinare l'ordine e la sicurezza in Libia. Ciò già ci mette a rischio, ma è assolutamente ineludibile".

Spiega quindi: "Ovviamente, se si arrivasse a operazioni belliche, il livello di rischio salirebbe ancora, ma anche questo dipende da una scelta, una scelta non facile, che deve fare poi la politica".

Copasir: più rischi senza la missione - Non la pensa così il presidente del Copasir (il comitato parlamentare per la sicurezza) Giacomo Stucchi, che sullo scenario libico dice: "Ora serve con celerità una missione militare di robusto 'peace-enforcemente' in Libia. Se aspettiamo ancora la situazione potrebbe incancrenirsi con un aumento dei rischi per l'Italia".

E aggiunge: "La paura di ritorsioni terroristiche con l'Italia in caso di intervento militare non può frenarci, anche perché i rischi per noi ci sono lo stesso". Quanto agli 007 cui un decreto di Palazzo Chigi assegna un ruolo di coordinamento per eventuali missioni con le forze speciali militari, il presidente del Copasir ha spiegato che "hanno le garanzie funzionali, ma non la licenza di uccidere".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali