FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Stalking, "devi essere solo mia o ti uccido": condannato un 51enne nel Torinese

Due anni e mezzo per atti persecutori nei confronti dellʼex convivente: oltre alle percosse, anche danneggiamenti a auto e negozio

Un 51enne di Rosta (Torino) è stato condannato in primo grado a due anni e sei mesi per atti persecutori nei confronti dell'ex convivente. "Devi essere soltanto mia, o ti uccido", le ripeteva. E quando telefonate, sms (oltre mille), pedinamenti non avevano sortito più effetto, era passato a gesti violenti: le aveva bucato le ruote dell'auto, scritto insulti sulla carrozzeria, e l'aveva colpita con schiaffi e pugni.

L'uomo era giunto perfino a dar fuoco al negozio in cui lavorava l'amica della donna.

Gli ultimi episodi di violenza risalgono al Natale 2015, quando lo stalker ha bucato le gomme della macchina della sua ex, perché si era rifiutata di trascorrere le Feste assieme a lui. L'uomo l'ha quindi costretta a trascorrere insieme il 31 dicembre a Torino per poi, dopo cena, farla scendere e salire dalla macchina, nel cuore della notte, a suo piacimento nel viaggio di ritorno a casa.

Quella stessa notte, il 51enne ha picchiato e ha minacciato di morte la donna nel caso in cui non fosse tornata a essere "soltanto sua", dicendole che prima o poi l'avrebbe uccisa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali