FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Operaio egiziano scomparso ad agosto, indagato per omicidio il datore di lavoro

Milano, Ibrahim Abdou Akl, detto Magdi, è sparito nel nulla sette mesi fa, ora la svolta: per lʼaccusa il suo responsabile lo avrebbe ucciso per 100mila euro di Tfr chiesti dal dipendente

Operaio egiziano scomparso ad agosto, indagato per omicidio il datore di lavoro

Ibrahim Abdou Akl, detto Magdi, è scomparso nel nulla i primi di agosto: da allora le indagini che hanno scandagliato la vita di questo operaio egiziano 60enne in un'azienda di Milano per la rigenerazione della cassette di legno, 20 anni in Italia con regolare permesso di soggiorno, tutti casa e fabbrica nel raggio di 400 metri, non hanno trovato nulla. Nemmeno il suo cadavere. Ma da qualche ora però c'è una svolta, si indaga per omicidio: il sospettato è il suo datore di lavoro, interrogato dalla Procura da Milano.

Stando a quanto rivela il Corriere della Sera Daniele, quarantenne figlio del datore di lavoro di Magdi, viene convocato dai pm Paolo Filippini e Leonardo Lesti come indagato per l' ipotesi di omicidio volontario. La sera della sparizione l' egiziano è in fabbrica quando firma un atto alle 19.30, per poi svanire senza che le molteplici indagini scientifiche trovino alcuna traccia; l' unico altro in fabbrica è il datore, che, localizzato lì alle 20.05 dal suo cellulare poi spento, risulta a casa quando alle 22 fa una chiamata dal telefono fisso; dunque, per l' accusa, tra le 19.30 e le 22 è successo qualcosa che (sparito l' egiziano) ha a che fare solo con l' imprenditore. Per l'accusa ci sarebbe anche un valido movente e, e cioè l' attrito in quei giorni tra l'operaio (che volendo tornare in patria chiedeva il Tfr di 100.000 euro) e l' imprenditore (che invece lo stimava in 25.000) che avevo portato i due a un tentativo di conciliazione tramite rispettivi avvocati. Tutte accuse che ora la difesa dovrà smontare una per una.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali