FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Violenze a Vigevano, sgominata banda di bulli 15enni: una delle vittime schiavizzata

I delinquenti fanno tutti parte di buone famiglie. Le vittime, abusate anche sessualmente, venivano riprese coi telefonini

I carabinieri di Vigevano hanno sgominato una banda di minorenni che prendeva di mira compagni di classe e vicini di casa ritenuti più deboli. In particolare una di queste vittime, uno studente 15enne, è stato oggetto di una vera e propria persecuzione giunta sino vere violenze fisiche ed umiliazioni che venivano riprese con i telefonini per ridicolizzarlo con gli altri ed aumentare il suo stato di "schiavitù" nei confronti del branco.

Vigevano, sgominata banda di bulli violenti

La vittima è un ragazzo fragile, uno studente al primo anno di un istituto tecnico superiore, che è stato bersagliato da un gruppo di ragazzi con veri atti persecutori, tanto da diventare il loro passatempo preferito e di volerlo cercare anche quando la madre, avvertita da alcuni compagni di scuola su quanto il figlio stava subendo, aveva cercato di allontanarlo da queste false amicizie.

Le angherie subite dalla vittima venivano poi diffuse tramite Whatsapp, Twitter, Instagram, Facebook, Telegram, Imessage ed altri social network. La gravità delle violenze e della persecuzione nei confronti del 15enne, hanno raggiunto il loro apice nei mesi di dicembre 2016 e gennaio 2017, quando i "bulli", in una circostanza, dopo averlo braccato per strada, lo hanno costretto a ubriacarsi per poi trascinarlo in giro per la città legato con una catena come fosse un cane al guinzaglio.

In un'altra occasione il branco lo ha denudato e tenuto appeso per le gambe da un ponte. Qui veniva costretto a subire atti sessuali. Anche in questa occasione la vittima è stata fotografata e le immagini poi diffuse.

I carabinieri sono quindi venuti a conoscenza del caso e parlando coi genitori delle vittime li hanno convinti a sporgere denunce. Poi in breve tempo hanno individuato il gruppo di ragazzi, che proprio per la gravità dei reati di cui sono indiziati non sono stati denunciati, ma arrestati per concorso in violenza sessuale, riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù, pornografia minorile, violenza privata aggravata mediante lo stato di incapacità procurato della vittima.

Il branco è composto da una decina di ragazzi di “buona famiglia”, figli di professionisti, commercianti, impiegati, operai. Cinque in particolari i bruti, tre hanno 15 anni, uno ne ha 16, e c'è anche un tredicenne, per questo non imputabile: sono stati rinchiusi nell'Istituto Penale Minorile “Cesare Beccaria” di Milano a disposizione del Tribunale per i minorenni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali