FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Rimini, il padre della 19enne morta di anoressia: "Non buttate la vita"

In unʼintervista a Il Resto del Carlino il genitore racconta il dramma della sua famiglia e la perdita della sua Francesca ridotta a 34 chili dalla malattia contro cui combatteva da 4 anni

Rimini, il padre della 19enne morta di anoressia: "Non buttate la vita"

Fino all'ultimo avrebbe continuato a fare attività fisica ossessionata dal peso, nonostante la bilancia ormai segnasse 34 chili e nonostante quel pacemaker al cuore, necessario per un fisico debilitato dai digiuni. A 19 anni se ne è andata così, Francesca Foschi di Rimini, studentessa universitaria di Biologia a Bologna, un metro e 74 centimetri di altezza, dopo 4 anni nella morsa dell'anoressia. "Abbiamo tentato di tutto, è un dolore immenso, non sprecate la vita", è l'appello, nel giorno del funerale, di papà Massimo dalle colonne del quotidiano Il Resto del Carlino.

Era iniziata nell'ottobre del 2011 l'odissea di Francesca, ossessionata dalla magrezza. "Abbiamo messo in campo tutto quello che potevamo, non ci siamo mai fermati. Ma non c'è stato nulla da fare - ricorda papà Massimo, 65 anni, stretto nel dolore con la moglie Iris e l'altra figlia Ilaria, dopo anni di battaglia. - Francesca stava male, era debole, eppure continuava a correre".

Nell'ultima settimana di vita, Francesca era ricoverata all'ospedale di Riccione, dopo un periodo al centro Gruber di Bologna. Ora, in memoria di quella figlia che non ce l'ha fatta, papà Massimo lancia uno struggente appello a tutte le ragazze e i ragazzi affetti da disturbi alimentari: "Amate la vita, non gettatela via".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali