FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Progettava un attentato a Roma: imam somalo fermato in Molise

Il giovane, fuggito dal centro di accoglienza di Campomarino, è stato bloccato dalla Digos di Campobasso

Progettava un attentato a Roma: imam somalo fermato in Molise

Stava organizzando un attentato a Roma e per questo la Digos di Campobasso ha fermato un imam somalo di 22 anni. Gli inquirenti hanno accertato che il giovane, richiedente asilo, era fuggito dal centro di accoglienza di Campomarino e probabilmente era diretto proprio nella Capitale. "La guerra continua. Cominciamo dall'Italia, andiamo a Roma e partiamo dalla stazione": è una delle minacce formulate dal somalo.

L'imam, secondo l'accusa, inneggiava all'Isis, ad Al Qaeda e ad Al Shabab, invitando gli altri ospiti del Centro di accoglienza ad azioni violente da realizzare nell'ambito della Jihad. Un'azione "intensa e veemente di proselitismo" contro l'occidente l'ha definita il procuratore capo di Campobasso, Armando D'Alterio. Tanto che alcuni si sono allontanati dalla preghiera allarmati dal suo comportamento.

Il giovane esaltava anche gli attentati terroristici di Parigi e il martirio, invitando gli altri ospiti del centro di accoglienza ad unirsi alla Jihad e a seguirlo prima a Roma e poi in Siria. Nella sua stanza gli agenti hanno registrato con una telecamera nascosta l'uomo mentre visionava diversi video nei quali erano presentate immagini di attentati.

E' stata però una conversazione intercettata tra due soggetti residenti all'interno del Centro per rifugiati di Campomarino, in cui l'imam veniva definito un "esaltato" pronto a passare alla mobilitazione, a far scattare il fermo. Secondo gli investigatori c'erano elementi per ritenere che fosse nella fase della mobilitazione, ma a quanto pare non c'erano segnali che potesse passare alla fase operativa: né dalle conversazioni intercettate né dagli elementi raccolti, infatti, è emerso che l'imam avesse un piano operativo per entrare in azione, materiale per compiere il presunto attentato o le capacità per utilizzarlo.

Alfano: "Sistema funziona, guardia alta" - "Arrestato a #Campobasso giovane imam somalo, presunto terrorista. Ancora una volta nostro sistema di #prevenzione ha funzionato. #guardialta". Questo il commento su Twitter del ministro dell'Interno Angelino Alfano.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali