FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Sparò in tribunale facendo 3 vittime Giardiello alle famiglie: chiedo scusa

Lʼuomo che un anno fa fece fuoco nelle aule del palazzo di giustizia di Milano mostra solo ora segni di pentimento con i familiari dei morti: "Sono sconvolto per quanto ho fatto"

Sparò in tribunale facendo 3 vittime Giardiello alle famiglie: chiedo scusa

"Non ha senso che io chieda perdono perchè per quello che ho fatto chiedere perdono è poco, ma voglio che sappiano che sono sconvolto per quello che ho fatto". Lo ha detto Claudio Giardiello in aula davanti ad alcuni parenti delle tre persone uccise un anno fa in Tribunale a Milano. Il processo è stato aggiornato al 5 aprile. Giardiello ha ottenuto la possibilità di avere il rito abbreviato. Secondo il legale l'uomo per la prima volta mostra pentimento.

La sparatoria risale al 9 aprile di un anno fa, quando l'uomo entrò armato a Palazzo di Giustizia e fece fuoco colpendo a morte tre persone. Le parti civili hanno chiesto la citazione per responsabilità civile del datore di lavoro delle guardie giurate del tribunale di Milano. Dal giorno della tragedia, dice ancora il suo avvocato Andrea Dondè, "per la prima volta Giardiello ha reazioni normali".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali