FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Monza, pm Di Matteo diffamato: condannati Sgarbi e Sallusti

Sei mesi di reclusione al critico, tre al direttore de Il Giornale, con sospensione della pena. La difesa a Tgcom24: "Il pm ha torto"

Il giudice monocratico di Monza Bianchetti ha condannato Vittorio Sgarbi a sei mesi di reclusione per avere diffamato, su Il Giornale, il magistrato palermitano Nino Di Matteo. A tre mesi, per omesso controllo, è stato condannato il direttore del quotidiano Alessandro Sallusti. Entrambi hanno avuto la sospensione della pena. L'articolo ritenuto diffamatorio è stato pubblicato nella rubrica Sgarbi Quotidiani il 2 gennaio del 2014. Il critico si difende a Tgcom24: "Non ho diffamato nessuno, il pm ha torto".

Il risarcimentoSia Sgarbi che Sallusti dovranno risarcire i danni al pm, ora in servizio alla Dna, da liquidarsi in sede civile. Il giudice ha comunque concesso a Di Matteo, difeso dall'avvocato Roberta Pezzano, una provvisionale immediatamente esecutiva di 40mila euro. Entrambi hanno avuto le attenuanti generiche. Nell'articolo incriminato, intitolato "Quando la mafia si combatte soltanto a parole", Sgarbi scriveva: "Riina non è, se non nelle intenzioni, nemico di Di Matteo. Nei fatti è suo complice. Ne garantisce il peso e la considerazione". E ancora: "C'è qualcosa di inquietante nella vocazione al martirio (del magistrato, ndr)" e "gli unici complici che ha Riina sono i magistrati".

Sgarbi si difende a Tgcom24"Ho detto una cosa oggettiva, e cioè che le intercettazioni in carcere di Riina che 'condannava a morte' Di Matteo, hanno favorito la creazione del mito del magistrato, ne hanno aumentato popolarità e tutela, e questa non è diffamazione, è un'opinione". Esordisce così a Tgcom24 Vittorio Sgarbi, commentando la notizia della sua condanna.

"In uno Stato democratico - continua - è garantita la libertà d'espressione e questa sentenza è un crimine contro la democrazia e l'ossequio di un magistrato a un suo collega".

"Sono convinto - conclude - che Di Matteo abbia torto su tutta la linea della sua impostazione giudiziaria e che abbia detto cose inaccettabili contro il generale Mori in una sentenza e contro Forza Italia con le sue dichiarazioni che il partito sarebbe nato da un patto con la mafia. Questa è vera diffamazione ma nessuno riesce a condannare chi l'ha pronunciata".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali