FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Rientrata in Italia la donna trattenuta in Pakistan | Il fratello: "Eʼ stata lei a volerci andare"

La giovane è atterrata allʼaeroporto di Milano Malpensa con un volo proveniente da Doha. "Non voglio vedere nessuno", ha detto

Rientrata in Italia la donna trattenuta in Pakistan | Il fratello: "E' stata lei a volerci andare"

Menoona Safdar, la giovane trattenuta contro la propria volontà in Pakistan dalla sua famiglia, è rientrata in Italia. La donna è atterrata all'aeroporto di Malpensa con un volo proveniente da Doha. "Non voglio vedere nessuno", ha detto. La notizia del suo rientro era stata anticipata "con grande soddisfazione" dal ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi. Ma il fratello della giovane, Raza Safdar, fornisce un'altra versione della storia: "E' stata lei a voler andare in Pakistan".

"Il positivo esito, che ha posto fine a una grave violazione dei diritti fondamentali della giovane donna - si legge in una nota del ministero degli Esteri -, è stato reso possibile, a seguito del personale interessamento del ministro, dall'efficace azione della nostra Ambasciata a Islamabad in stretto raccordo con la Farnesina".

Il fratello: "Lei è voluta andare in Pakistan" - "Non volevamo il suo uomo nella nostra famiglia perché non è una bella persona, è pericoloso, non è vero che non volevamo studiasse". Sono le parole di Raza, fratello di Memoona Safdar. "Lei è voluta andare in Pakistan, poi voleva tornare, mio padre le ha detto che non avremmo accettato, ma lei lo ha sposato e da quello che so aspetta forse un figlio".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali