FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Milano, assolto da violenza sessuale: "Lei vestita e inattendibile"

Lʼuomo era stato accusato di aver toccato nelle parti intime una donna. Per i giudici "il fatto non sussiste" perché lei "indossava i pantaloni"

Milano, assolto da violenza sessuale: "Lei vestita e inattendibile"

Un uomo, accusato di violenza sessuale perché avrebbe toccato nelle parti intime una donna mentre dormiva, è stato assolto dal Tribunale di Milano poiché il racconto della giovane non è "attendibile" per una serie di ragioni. Tra queste anche quella che lei fosse "vestita con abiti invernali, per di più pantaloni". Per i giudici, dunque, il fatto non sussiste.

La versione della donna - I due erano soltanto conoscenti, ma avevano comunque trascorso una serata insieme. Lei aveva bevuto parecchio e accusava "un fortissimo malessere", così lui fu costretto ad accompagnarla a casa sollevandola "di peso". Una volta arrivati "mi sono buttata a letto e mi sono addormentata", ha dichiarato. Passata qualche ora "mi sono svegliata perché sentivo che lui mi stava toccando". Ed ecco i dettagli della presunta violenza sessuale: "Ero sdraiata sul lato destro, lui aveva un braccio sotto il mio collo, con quella mano mi toccava il seno e con l'altra dentro le mutande".

"Un racconto paradossale" - Un racconto "complicato e paradossale" secondo il Tribunale, che tra gli altri "profili di scarsa verosimiglianza" nella ricostruzione dei fatti fornita dalla vittima si sofferma soprattutto sul suo abbigliamento al momento della presunta violenza. "Non è stato spiegato - si legge nelle motivazioni della sentenza - come la mano dell'imputato possa essersi infilata sotto le mutande di una donna sdraiata a letto con abiti invernali, per lo più pantaloni".

Per i giudici, infatti, non risulta "credibile" il "comportamento glaciale e inspiegabilmente razionale" della donna "che decide persino di non muoversi e di fingere un lento risveglio al fine di far desistere spontaneamente" l'uomo "dalla sua azione".

Altre circostanze - A suscitare "perplessità" nei giudici anche altre circostanze. Innanzitutto la vittima "avrebbe subito nel passato remoto e recente ben due episodi di abuso sessuale" sempre "in un contesto amicale", ma durante il processo parla solo di uno di questi episodi "e tace l'altro". Infine la denuncia è stata presentata più di 5 mesi dopo la presunta violenza, "quasi ai confini della tardività".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali