FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il telefonino, i contatti in Italia e il piano per la fuga: tutti i misteri di Anis Amri

Investigatori al lavoro per chiarire i segreti legati allʼattentatore di Berlino. Il sospetto è che volesse preparare unʼaltra strage

La morte di Anis Amri, il terrorista della strage ai mercatini di Natale a Berlino ucciso alle porte di Milano durante un controllo di polizia, apre una serie di domande a cui ora gli investigatori dovranno tentare di dare una risposta. Tra il momento dell'attacco e la sua ricomparsa su un treno per l'Italia, infatti, c'è un buco di quattro giorni. Qualcuno l'ha aiutato a fuggire? Perché il tunisino ha scelto di venire a Milano?

Sesto San Giovanni, ucciso il terrorista Amri

Le risposte forse nel telefonino - Un elemento chiave per le indagini è il cellulare che l'uomo aveva con sé quando è stato fermato e che ora è nelle mani dell'Antiterrorismo. Il telefono era dotato di una sim olandese che non sarebbe stata abilitata alle chiamate internazionali: Amri non poteva fare né ricevere telefonate, ma dalla memoria del dispositivo potrebbero emergere elementi importanti per chiarire alcuni dei misteri.

I contatti in Italia e il passato al Sud - La fuga del tunisino è finita fuori dalla stazione di Sesto San Giovanni, alle porte di Milano. Non è però chiaro, cosa ci facesse l'uomo in quel posto. Amri potrebbe aver avuto contatti nella zona, ma non è escluso che volesse recarsi al Sud. Quando è stato fermato dalla polizia, infatti, ha detto di essere calabrese e in Sud Italia il tunisino aveva vissuto davvero per anni. Ad avvalorare l'ipotesi di una fuga verso la Calabria c'è anche un altro elemento: proprio da Sesto partono alcuni bus che portano verso Reggio Calabria.

Da Berlino i "grazie" allʼItalia della polizia tedesca e della gente comune

E' arrivato dalla pagina Twitter della polizia di Berlino il ringraziamento ai colleghi italiani che nella notte, a Sesto San Giovanni (Milano), hanno neutralizzato il presunto killer della strage al mercatino di Natale, il tunisino Anis Amri. Il tweet, scritto anche in lingua italiana, recita: "Grazie e pronta guarigione ai colleghi feriti". A seguire sono arrivati i messaggi di ringraziamento da parte della gente comune.

leggi tutto

I contanti nascosti nei pantaloni - L'attentatore indossava tre paia di pantaloni, uno sull'altro. Nascosti nelle tasche, mille e cinque euro in contanti; come se, durante la sua fuga, per evitare di lasciare tracce, avesse esaurito i prelievi possibili al bancomat per poi disfarsi di tutte le carte di credito e tornare invisibile. In contanti paga il biglietto del treno dalla Francia a Milano, anche se poi decide di scendere a Torino. Qui, ancora in contanti, compra un altro biglietto per un treno regionale che lo porterà alla stazione Centrale del capoluogo lombardo.

L'ipotesi della vendetta dopo gli anni in carcere in Italia - Tra le ipotesi che nessuno ha ancora escluso c'è anche quella che da Sesto San Giovanni Amri volesse preparare un'altra strage, questa volta nel nostro Paese. Nel video rilasciato dall'Isis dopo la sua morte, l'uomo minaccia tutta l'Europa: "Vi sgozzeremo come maiali", dice. Non si può ignorare, quindi, la possibilità di un secondo piano per entrare in azione forse proprio a Milano. Uno scenario che potrebbe anche essere letto come una sorta di vendetta dopo gli anni passati da Amri in carcere nel nostro Paese.

Da Berlino a Milano: lʼultimo viaggio di Anis Amri

L'ultimo viaggio di Anis Amri, il terrorista che ha fatto strage a Berlino, inizia nella stazione di Chambery, cittadina francese ai piedi della Alpi dove Amri è arrivato proveniente dalla Germania. Qui sale su un treno diretto in Italia e arriva a Torino attorno alle 20.30. Gli investigatori ritengono che l'uomo, dopo aver varcato il confine, abbia preso dei treni locali con i quali ha raggiunto la stazione di Porta Nuova. Amri rimane a Torino tre ore circa, poi parte per Milano con un Regionale. Arriva in stazione Centrale attorno all'una di notte e poi, secondo alcune fonti, con un bus navetta che sostituisce il servizio della metropolitana, a quell'ora chiusa, raggiunge Sesto San Giovanni.

leggi tutto

Parigi indaga sull'itinerario di Amri in Francia - Intanto gli inquirenti francesi hanno aperto un'inchiesta per stabilire l'itinerario seguito nel Paese dal tunisino Anis Amri. Lo ha spiegato il direttore generale della Polizia nazionale francese, Jean-Marc Falcone, precisando che sono in corso verifiche per "stabilire in maniera precisa, se, nel suo percorso, il terrorista sia effettivamente transitato per il nostro territorio".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali