FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Lo Porto, famiglia scrive a Obama: "Adesso vogliamo la verità"

"Ci aspettiamo di ricevere sostegno per la famiglia e per il legittimo desiderio di conoscere la verità e avere così un poʼ di sollievo", ha spiegato il legale dei Lo Porto

Lo Porto, famiglia scrive a Obama: "Adesso vogliamo la verità"

A quasi un anno dalla morte di Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano rapito in Pakistan da Al Qaeda e rimasto ucciso in un raid Usa, la famiglia scrive al presidente degli Stati Uniti Barack Obama per chiedere di far luce su quanto accaduto. "Spero che il presidente Obama risponda alle nostre richieste, richieste semplici, non c'è nulla di strano - ha spiegato Daniele Lo Porto, fratello di Giovanni -. Spero che si metta una mano sulla coscienza e dica la verità."

In una conferenza stampa alla Camera, i legali della famiglia Lo Porto, hanno spiegato di aver presentato anche una richiesta ai pubblici ministeri italiani, che stanno indagando sulla morte del cooperante, affinché siano individuati i documenti relativi alle linee guida Usa per il lancio di attacchi con i droni, linee guida che ipotizzano possano essere state disattese.

"Ci aspettiamo di ricevere sostegno per la famiglia e per il legittimo desiderio di conoscere la verità e avere così un po' di sollievo", ha spiegato uno dei legali, l'avvocato Andrea Saccucci.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali