FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Genova, 27enne con problemi psichici strangola la madre e tenta il suicidio

Secondo una prima ricostruzione, il ragazzo ha prima ferito il cane, poi ucciso la madre e quindi ne ha nascosto il corpo sotto il letto. Infine si è auto inferto una coltellata allʼaddome

Genova, 27enne con problemi psichici strangola la madre e tenta il suicidio

Una donna di 54 anni, Patrizia Alvigini, è stata strangolata dal figlio di 27 anni. Il giovane, che ha confessato il delitto, soffriva di problemi psichici. E' successo a Recco, in provincia di Genova. Dopo aver fatto footing, Luca Gervino è tornato a casa e ha ucciso la madre. Ha nascosto il cadavere, si è accoltellato al ventre e poi ha chiamato il 112.

Secondo una prima ricostruzione, il ragazzo ha prima ferito il cane, poi ucciso la madre e quindi ne ha nascosto il corpo sotto il letto. Infine si è auto inferto una coltellata all'addome. Poi ha preso il telefono e ha chiamato i carabinieri dicendo che qualcuno l'aveva ferito.

I militari che sono arrivati sul posto hanno poi accertato che a uccidere la donna era stato lui. Il ragazzo è stato trasferito in stato di fermo al pronto soccorso dell'ospedale San Martino a Genova.

Footing prima dell'omicidio - Prima del folle gesto, il giovane era andato a correre come faceva tutti i giorni. Appassionato di boxe, si allenava tutti i giorni sul lungomare della cittadina del Levante genovese. E proprio venerdì pomeriggio sarebbe stato visto da un'amica che poi, ai carabinieri, ha detto di aver notato che era "particolarmente sconvolto".

Il ragazzo ha confessato - Luca Gervino ha confessato ai carabinieri di aver ucciso la madre. Il ragazzo è in stato di arresto per omicidio. Gervino non ha saputo però dare spiegazioni al suo gesto. "L'ho ammazzata io" avrebbe detto ai militari. Il ragazzo, che con tutta probabilità intendeva uccidersi, è stato medicato per le profonde ferite da coltello all'addome e verrà trasferito nel reparto del pronto soccorso dedicato alle persone in stato di arresto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali