FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Varani, Foffo: come potrò scusarmi?E al padre confessa: volevo ucciderti

Si cerca il video del delitto nel computer di Marco Prato. Lʼipotesi della Procura è che esista un filmato, forse pubblicato in Rete, del massacro di Luca Varani

Varani, Foffo: come potrò scusarmi?E al padre confessa: volevo ucciderti

Nel computer di Marco Prato sarebbe salvato un video che mostra le sevizie e il massacro effettuati, con la complicità di Manuel Foffo, su Luca Varani. E' l'ipotesi della Procura di Roma, che ha sequestrato il pc del 29enne. Il legale di Prato ha definito "irrituale" il sequestro del pc. I pm sospettano inoltre che il filmato potrebbe essere finito in Rete. Foffo: "Come potrò scusarmi con la famiglia di Varani?"

Il rimorso di Foffo: "Non so come potrò scusarmi con i genitori di Luca" - Non si dà pace Manuel Foffo per quello che ha fatto. Una cosa "agghiacciante" l'ha definita al pm Francesco Scavo che per quasi quattro ore lo ha interrogato nel carcere di Regina Coeli. Un nuovo lungo atto istruttorio nel corso del quale Foffo ha avuto anche parole di rimorso per la famigli di Luca Varani, trucidato nel corso di un festino a base di cocaina e alcol assieme a Luca Prato. "Non so come potrò mai scusarmi con i genitori di Luca", ha detto al pm.

Manuel al padre: "Sì volevo ucciderti" - Un interrogatorio, il terzo per Foffo, che arriva a 24 ore dal drammatico incontro che Manuel ha avuto con il padre, Valter. Un confronto durante il quale il giovane ha ammesso di avere avuto l'intenzione di ucciderlo, così come sostenuto davanti al pm. "Sì papà ho pensato che volevo ucciderti" ha riferito con un filo di voce dopo la domanda diretta fattagli dal padre. I due, poi, si sarebbero abbracciati in lacrime.

Inquirenti cercano di capire se esistono video di sevizie - L'ipotesi dell'esistenza di un video del massacro di Luca Varani va di pari passo con il timore che possano esistere altri filmati su sevizie a terzi, pubblicati su siti "specializzati" in pratiche sessuali estreme. I pm sono decisi a riproporre la tesi dell'omicidio premeditato, già bocciata dal gip, e a scoprire se i due accusati siano criminali seriali od occasionali.

Foffo confermata ai pm la sua versione, restano da chiarire alcuni dettagli
- Nel corso dell'interrogatorio, che si è protratto per tutto il pomeriggio, gli inquirenti hanno voluto fissare dei punti fermi in una vicenda che appare ancora piena di lati oscuri, soprattutto per quanto riguarda le responsabilità. In una saletta del carcere di Regina Coeli, Foffo ha risposto alle domande del magistrato soprattutto per quanto riguarda la fase successiva al barbaro assassinio di Luca Varani. Il buco di circa 36 ore intercorse tra l'omicidio e la decisione di Foffo di costituirsi ai carabinieri per confessare quanto avvenuto in via Igino Giordani.

Al termine l'avvocato Michele Andreano, difensore del giovane, ha spiegato che il ragazzo "appare molto provato". "Ancora non ricorda perfettamente i dettagli di questo terribile delitto e quindi abbiamo sospeso ma ci saranno ulteriori incontri con il pm. Manuel ha spiegato bene la sua posizione. Ricorda chiaramente cosa è accaduto in quella casa ma ancora ci sono ancora dei vuoti. Ha ribadito la sua versione, sulla dinamica non ci sono grandi variazioni siamo ora ai dettagli su quanto successo".

Giovedì l'interrogatorio di Prato - Giovedì la "parola" passa a Prato che verrà ascoltato dagli inquirenti. Si tratta del primo confronti diretto tra il pm e l'arrestato dopo l'interrogatorio di garanzia. Chi indaga spera di ottenere anche da lui una confessione piena su quanto compiuto nell'appartamento del Collatino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali