FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Sisma ad Amatrice, il sindaco Pirozzi indagato: "Atto giunto a ridosso delle elezioni regionali"

Lʼinchiesta riguarda il crollo di una delle tre palazzine di piazza Augusto Sagnotti, in cui il 24 agosto 2016 morirono 7 persone

"Sono estraneo rispetto ai fatti contestati, ma mi preme osservare che tale atto mi è stato notificato casualmente a 22 giorni dalle elezioni regionali del Lazio", alle quali è candidato. Così il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, ha commentato la notifica dell'avviso di conclusione delle indagini che lo vedono indagato per il crollo di una palazzina dopo il terremoto del Centro Italia, in cui persero la vita 7 persone e ne rimasero ferite altre 3.

"Mi addolora profondamente essere coinvolto in un procedimento scaturito a seguito della morte di tanti cari amici, derivante da una ordinanza del sindaco che mi aveva preceduto, e dalla tempistica con cui la Procura ha inteso intervenire in questo caso e non in altri", ha aggiunto Pirozzi.

"In cooperazione colposa tra loro, nelle rispettive qualità e con le condotte commissive e omissive, non impedivano il crollo dell'edificio". Recita così uno dei passaggi dell'avviso di conclusione delle indagini notificato questa mattina al sindaco di Amatrice e altri sette tra tecnici e funzionari pubblici, in relazione al crollo di una delle tre palazzine di piazza Sagnotti ad Amatrice in cui persero la vita sette persone.

Nell'inchiesta, oltre a Pirozzi, risultano indagati anche il geometra Ivo Carloni, in qualità di progettista e di direttore dei lavori, quattro tra tecnici e dirigenti del Genio Civile di Rieti, Giovanni Conti, Valerio Lucarelli, Maurizio Scacchi e Maurizio Peron, il comandate della Polizia Municipale di Amatrice, Gianfranco Salvatore, e il responsabile dell'Ufficio tecnico dello stesso Comune, Virna Chiaretti. A tutti la Procura di Rieti contesta i reati di disastro colposo, omicidio colposo e lesioni personali colpose.

Secondo i pm Lorenzo Francia e Rocco Gustavo Maruotti, la palazzina ex Ina casa, che in seguito al sisma de L'Aquila fu sgomberata dall'allora sindaco di Amatrice Carlo Fedeli, fu oggetto di un intervento di ristrutturazione sulla base di un progetto che conteneva "gravi errori", un "indicatore di rischio inattendibile e non realistico" e un "errato coefficiente di vulnerabilità sismica addirittura superiore a 1".

"Come se l'edificio, progettato e realizzato (ante 1950) con vecchie normative ormai superate, fosse addirittura adeguato rispetto alle norme tecniche del 2008". Ma così non era, hanno evidenziato le indagini, in quanto la ristrutturazione si limitò a una "scucitura/smontaggio della muratura in pietra che risultava "spanciata" dopo il sisma de L'Aquila" senza collegamenti, ad esempio collegando i solai con "barre d'acciaio".

Per il crollo delle altre due palazzine, ex Iacp, in cui persero la vita altre 19 persone, risultano indagati, dal luglio dello scorso anno, 5 tra ex responsabili di ditte, collaudatori e un ex assessore del Comune.

Nardella: "Sindaci parafulmini" - "Pirozzi indagato? Con l'Anci lo diciamo da un sacco di tempo: i sindaci sono diventati parafulmini di tutto ciò che succede nel Paese". Lo ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella a chi gli chiedeva un commento sull'inchiesta che ha coinvolto Pirozzi. "Credo ci sia un clima di deresponsabilizzazione molto preoccupante - ha continuato Nardella -. E come l'Anci ha già detto più volte, occorre rimettere a posto il livello di responsabilità di tutte le istituzioni. Occorre restituire dignità al ruolo del sindaco". Io non entro nel merito della questione che riguarda il collega sindaco Pirozzi, e ovviamente confermo il massimo rispetto per la magistratura. Ma probabilmente non è una questione della magistratura, bensì di leggi. Se si continua a colpevolizzare i sindaci per tutto ciò che succede si rischia di fare un grande danno: non ci saranno più persone brave, capaci, che si prenderanno la briga di fare i sindaci delle proprie città". Se un sindaco sbaglia, prosegue Nardella, "davvero è bene che paghi, ma non è possibile che la politica e la società scarichino tutte le responsabilità addosso ai sindaci. Ci manca solo che qualcuno chieda al sindaco il risarcimento danni se piove", ha concluso Nardella

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali