FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Lʼannuncio del Papa: Madre Teresa sarà proclamata santa il 4 settembre

Lo ha reso noto il Pontefice durante il Concistoro ordinario pubblico per la canonizzazione dei beati

L'annuncio del Papa: Madre Teresa sarà proclamata santa il 4 settembre

Papa Francesco ha reso noto che la canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta è fissata per la domenica 4 settembre 2016. La cerimonia si terrà dunque nella basilica di San Pietro, durante il Giubileo della misericordia, e non a Calcutta come sperava la Chiesa cattolica indiana.

"Sono albanese di sangue, indiana di cittadinanza. Secondo la mia vocazione, appartengo al mondo". Si definiva così Madre Teresa. La sua missione di vita è stata quella di servire i più poveri tra i poveri. La più piccola dei cinque figli di Nikola e Drane Bojaxhiu, Gonxha Agnes è nata il 26 agosto 1910 a Skopje, in Albania, crocevia dei Balcani ed è cresciuta nelle ristrettezze economiche lasciate dalla morte prematura del padre. Da bambina e ragazza era assidua e attiva frequentatrice della parrocchia gesuita del Sacro Cuore.

A 18 anni entrò nell'istituto della Beata Vergine Maria in Irlanda, dove ricevette il nome di suor Mary Teresa, in omaggio a Santa Teresa di Lisieux. A dicembre dello stesso anno partì per l'India, dove fu inviata presso la comunità di Loreto a Entally e insegnò nella scuola per ragazze, St. Mary. Prese i voti perpetui il 24 maggio 1937 e nel 1944 divenne direttrice della scuola.

La seconda chiamata - Il 10 settembre 1946, durante un viaggio in treno da Calcutta a Darjeeling per il ritiro annuale, Madre Teresa ricevette "l'ispirazione": quella che chiamò la sua "chiamata nella chiamata", che la portò a fondare la comunità religiosa delle Missionarie della Carità, dedite al servizio dei più poveri. Il 17 agosto 1948, indossò per la prima volta il sari bianco bordato d'azzurro e il 21 dicembre andò per la prima volta nei sobborghi di Calcutta. Alcuni mesi più tardi si unirono a lei alcune sue ex allieve.

Aiutare i poveri - Il 7 ottobre 1950 la nuova congregazione delle Missionarie della Carità veniva riconosciuta ufficialmente nell'arcidiocesi di Calcutta. Agli inizi del 1960 Madre Teresa iniziò a inviare le sue sorelle in altre parti dell'India e poi nel mondo.

Morì il 5 settembre 1997. Il governo indiano organizzò funerali di Stato e il suo corpo fu seppellito nella casa madre delle Missionarie della Carità. La sua tomba è luogo di pellegrinaggi e di preghiera per pellegrini di ogni credo. Meno di due anni dopo la sua morte, a causa della diffusa fama di santità e delle grazie ottenute per sua intercessione, Papa Giovanni Paolo II permise l'apertura della Causa di Canonizzazione. Il 20 dicembre 2002 approvò i decreti sulle sue virtù eroiche e sui miracoli.

Gli altri santi - Nelle prossime settimane saranno canonizzati anche il messicano Giuseppe Sanchez del Rio, laico, martire, vittima nel 1928 a soli 15 anni delle persecuzioni religiose; Stanislao di Gesù Maria, al secolo Giovanni Papczynski, vissuto nel 1600, fondatore della Congregazione dei Chierici Mariani dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria; Maria Elisabetta Hesselblad, religiosa svedese, fondatrice della congregazione delle suore dell'Ordine del Santissimo Salvatore di Santa Brigida.

Infine, sarà canonizzato Giuseppe Gabriele del Rosario Brochero, sacerdote diocesano argentino più conosciuto come "Cura Brochero", figura particolarmente cara a Papa Francesco. Nel messaggio per la beatificazione del settembre 2013, lo definì "un pioniere nell'uscire verso le periferie geografiche ed esistenziali per portare a tutti l'amore, la misericordia di Dio".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali