FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Delitto Varani, il padre di Foffo: "Prato ricattava mio figlio con un video"

"Aveva ripreso un suo rapporto sessuale con lui e lo minacciava. Lui era devastato. Manuel non è gay. Spero solo che esca la verità e chi è colpevole paghi"

Delitto Varani, il padre di Foffo: "Prato ricattava mio figlio con un video"

"Mio figlio Manuel non è gay. Marco lo ricattava dopo aver girato un video di un rapporto sessuale con lui. E lui era devastato dalla vergogna. Non ha mai detto che voleva uccidermi. La prima e l'ultima coltellata l'ha inferta Marco Prato. Io spero soltanto che esca la verità". Così Valter Foffo, padre di Manuel, torna a difendere il figlio accusato dell'omicidio di Luca Varani.

I due si sono incontrati martedì nel carcere di Regina Ceoli e Valter Foffo racconta la sua versione in un'intervista al "Messaggero". Dice che il figlio e il pr noto negli ambienti gay romani si sono conosciuti a Capodanno, che è stato in quell'occasione che i due hanno avuto un rapporto e che poi Prato ha cominciato a ricattarlo con la minaccia di diffondere il video che riprendeva quel momento.

"Mio figlio si sentiva stretto in un angolo - racconta Valter -, me lo ha detto, anche per questo ha accettato di rincontrare Prato, per cercare di convincerlo a cancellare quel filmato".

Dice di aver trovato, dietro le sbarre del carcere, "un ragazzo devastato dai farmaci e dalla vergogna, che solo adesso si sta rendendo conto di quello che ha compiuto, dell'atroce delitto di cui si è macchiato". Ma poi ribadisce, c'era quel ricatto, e poi, "sono convinto che la droga, la cocaina e chissà quali altre sostanze assunte, abbiano contribuito ad annebbiare la lucidità di Manuel, che però non è gay".

Assicura che Manuel non ha mai detto "che avrebbe voluto uccidermi. Me lo ha ripetuto più volte. Può verificarlo, in carcere registrano tutto". E nega anche che Manuel e Marco abbiano avuto un rapporto sessuale poco prima del delitto. E torna a ribadire: "A noi Foffo non piacciono i gay, ci piacciono le donne. E mio figlio non è da meno". Alla domanda se si senta responsabile per l'accaduto, replica: "Li chiamano ragazzi, Manuel e Prato. Ma sono uomini, non hanno più 18 anni. Dovevo forse portare ancora mio figlio per mano a trent'anni?".

E infine, sull'ipotesi che la madre Daniela, che vive al piano sotto Manuel, gli abbia dato stracci e sapone chiesti per pulire, risponde: "Daniela non ha aperto la porta quella mattina. Mio figlio ha le chiavi di casa, è entrato per prendere una bottiglia d'acqua, nessuno straccio o sapone anche perché è Daniela che gli andava sempre a pulire casa, ha salutato la madre che era in un'altra stanza e che quindi non l'ha potuto vedere". La famiglia Varani lui non l'ha sentita. "Ci ha pensato il mio legale. In questa storia ci sono tre famiglie distrutte. Ognuna a suo modo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali