FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Anis Amri, perquisizioni ad Aprilia: sequestrati alcuni cellulari

I controlli sono scattati dopo la scoperta di contatti che il tunisino ha avuto un anno fa con un connazionale residente nella provincia di Latina

Anis Amri, perquisizioni ad Aprilia: sequestrati alcuni cellulari

Alcuni telefoni cellulari sono stati sequestrati nel corso delle perquisizioni compiute dalla Digos a Campoverde, frazione di Aprilia (Latina), nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Roma sulla strage di Berlino. I controlli sono scattati dopo la scoperta di contatti che il terrorista Amis Amri ha avuto un anno fa con un connazionale residente nel centro laziale e attualmente detenuto per spaccio di droga a Velletri (Roma).

Dagli stessi accertamenti disposti dal pm Francesco Scavo è emerso anche che Amri è stato ospite nelle due abitazioni (la prima occupata dalla moglie italiana del detenuto, la seconda abitata da parenti della stessa donna) nel 2015.

Gli apparecchi telefonici sono ora oggetto di verifiche per stabilire se ci siano stati contatti con il terrorista tunisino dopo la strage di Berlino. Il sospetto degli investigatori è che la destinazione di Amri, prima del conflitto a fuoco in cui è morto a Sesto San Giovanni, fosse proprio l'Agro Pontino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali