FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Lʼimprenditore costretto a emigrare in Sicilia: "Qui a Bergamo non trovo candidati"

Dopo tre anni dallʼapertura, nel call center di Alzano Lombardo sono libere due postazioni su tre e così la società si trasferisce a Paternò e Latina

L'imprenditore costretto a emigrare in Sicilia: "Qui a Bergamo non trovo candidati"

"Costretti a trasferire le sedi al Sud perché a Bergamo non si trovano candidati". E' la sofferta decisione presa da Marco Picecchi, amministratore delegato della At Phone, un call center di Alzano Lombardo, nella Bergamasca. "Da queste parti nessuno sembra interessato alla nostra offerta di lavoro - precisa l'imprenditore -. Se uno è bravo da noi guadagna 1.100 euro al mese". Da qui la scelta di aprire nuove sedi a Paternò (Catania) e Latina.

In un'intervista a La Repubblica, Picecchi spiega: "Se nella Bergamasca nessuno è interessato alla nostra offerta di lavoro per l'economia locale è sicuramente un segnale positivo, vuol dire che non c'è crisi. Ma per noi no, abbiamo dovuto seguire altre strade e aprire al Centro e al Sud".

La società di Picecchi, nata poco meno di tre anni fa, si occupa di gestione e recupero crediti e lavora per grandi banche, clienti commerciali e società finanziarie. Su 600 postazioni allestite, sono state riempite solo un terzo (215). A Latina, ad esempio, sono già arrivati 150 telefonisti, e Paternò promette di raggiungerne altrettanti: "Questa è la realtà, inutile girarci intorno - prosegue Picecchi -. Per reperire collaboratori le abbiamo provate tutte: i classici annunci su portali web, canali specializzati e agenzie ma non c'è stato nulla da fare. Per ottimizzare le risorse sposteremo ad Alzano la sede di Bergamo, dove lavorano già 150 persone. E con il Centro Sud speriamo di arrivare a colmare l'organico".

L'imprenditore assicura: "Sono contratti di lavoro a progetto, è vero. Ma mi sembra una buona opportunità. Formiamo noi chi arriva, perché per recuperare crediti bancari o societari devi conoscere i contratti". Paternò già ospita un call center lombardo, quello di Regione Lombardia. Ci lavorano 800 persone e costa al Pirellone 22 milioni di euro l'anno.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali