FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

In Puglia cresce lʼemergenza Xylella: paura per la Piana degli ulivi

Crolla la produzione di olio, aziende in stato di calamità, 3.277 alberi colpiti. A rischio anche il bosco con piante millenarie

La Xylella avanza, dal Sud al Nord della Puglia. E va oltre. Arriva in Corsica e poi in Spagna, dove ha attaccato i mandorli. A Bruxelles è tornata l'allerta: nel monitoraggio 2016-2017 gli ulivi colpiti erano circa 900, un anno e mezzo dopo sono 3.277. Ma la colpa non è solo del batterio. L'incuria e la disattenzione dei proprietari terrieri hanno contribuito al diffondersi della malattia.

Numeri drammaticiPiù di 3mila piante colpite, la produzione di olio scesa del 40% e 800 aziende che dichiarano lo stato di calamità. La linea della Xylella ora è alle porte della "Piana degli ulivi", un bosco con alberi secolari che si estende fra le città di Ostuni, Fasano, Monopoli e Carovigno. Ci sono esemplari che hanno quasi 3 mila anni e risalgono all'epoca dei Messapi, una popolazione che viveva nel territorio salentino nell'VIII secolo a.c. Adesso potrebbero scomparire per sempre. "La linea a Nord è stata innalzata più volte: ora è alle porte di Bari", spiega alla Stampa Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Puglia, " la Regione si sta muovendo ma questo è diventato un problema sovrannazionale". "Dopo il via libera da parte di Bruxelles, si delibererà sui reimpianti di alberi resistenti al batterio nella zona infetta", aggiunge Leonardo Di Gioia, assessore regionale all'Agricoltura.

Non solo il batterioL’incuria dei proprietari terrieri ha favorito il diffondersi della malattia. Su "Xylella Report", libro pubblicato dalla giornalista Marilù Mastrogiovanni, direttore del sito "Il tacco d’Italia", critica la gestione dell'emergenza da parte della Regione. Secondo Mastrogiovanni i metodi utilizzati, sempre gli stessi dal 2013 quando ha avuto inizio il problema, non sono efficaci: vengono sradicate piante malate e sostituite con altre giovani e sane, ma non si è mai andato a verificare verificato perchè in certi casi alberi verdi hanno il batterio, mentre alberi secchi no ne presentano traccia. Non ci si è mai chiesti se ad uccidere sia davvero solo la Xylella o ci siano anche altre cause.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali