FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Giulio Regeni, pressing dellʼItalia: "Ricostruire lʼiter dei documenti"

Eʼ la richiesta che gli investigatori romani intendono fare alla polizia egiziana. Il premier Matteo Renzi: "LʼItalia si fermerà solo davanti alla verità". Le donne della banda accusata: "Nessun legame con la morte di Regeni"

Giulio Regeni, pressing dell'Italia: "Ricostruire l'iter dei documenti"

Ricostruire e approfondire l'iter che ha portato i documenti di Giulio Regeni nella disponibilità della persona presso cui sono stati trovati. E' la richiesta che inquirenti e investigatori romani intendono fare alla polizia egiziana a Roma il 5 aprile, secondo quanto concordato alla trasferta a Il Cairo del procuratore Giuseppe Pignatone e del sostituto Sergio Colaiocco. Il premier Matteo Renzi: "L'Italia si fermerà soltanto davanti alla verità".

I magistrati di piazzale Clodio, in particolare, vogliono scoprire da chi e attraverso quale canale i documenti del ricercatore universitario (passaporto, due tesserini universitari e il bancomat, mentre gli altri oggetti mostrati in televisione, a cominciare dallo zainetto con lo stemma dell'Italia, non sono considerati riconducibili a Giulio) sono arrivati nell'abitazione della parente di uno degli uomini indicato dagli egiziani come sequestratore.

Gli inquirenti romani, inoltre, sono ancora in attesa, come ricordato dallo stesso Pignatone, della documentazione completa relativa agli accertamenti eseguiti a Il Cairo. Il materiale finora consegnato risulta infatti parziale.

Renzi: "L'Italia vuole la verità" - "L'Italia non si accontenterà di nessuna verità di comodo" sul caso della morte di Giulio Regeni. Lo ha detto il premier Matteo Renzi. "Consideriamo un passo in avanti importante - ha aggiunto - il fatto che le autorità egiziane abbiano accettato di collaborare, ma proprio per questo potremo fermarci solo davanti alla verità". E ancora: "Lo dobbiamo alla famiglia di Giulio. E, se mi permettete, lo dobbiamo a tutti noi e alla nostra dignità".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali