FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Firenze, senegalese ucciso: la figlia adottiva aveva perso il padre naturale nello stesso modo

Nuovo presidio della comunità senegalese sul ponte Vespucci, luogo dove è avvenuto lʼomicidio

Piange due padri morti nello stesso modo: ammazzati a Firenze a colpi di arma da fuoco. E' questa la storia di una 18enne senegalese figlia naturale di Samb, ucciso il 13 dicembre 2011 in piazza Dalmazia da un estremista di destra. Ieri la stessa sorte è toccata a Idy Diene, 54 anni, ambulante senegalese ferito a morte da Roberto Pirrone. Idy era un cugino di Samb e dopo la sua morte aveva deciso di prendersi cura della figlia, di mantenerla e di farla studiare in Italia.

Idy è stato raggiunto da due proiettili, uno alla testa e uno al torace, mentre altri, come raccontano alcuni testimoni, non sono andati a segno. "Era una persona gentile, mai invadente: passava praticamente tutti i giorni dall'ufficio, si informava come stavi e non solo ringraziava per le offerte che poteva ricevere o per gli oggetti che riusciva a vendere, ma se gli facevi presente che non avevi altro che un euro da dargli rispondeva: 'È sempre tanto'". Così ricorda il senegalese ucciso una signora fiorentina che lavora in Oltrarno. "L'ho riconosciuto da una foto pubblicata su un profilo Facebook di un'altra persona che lo ricorda nel mio stesso modo", aggiunge. "Per me e per quanti lavorano nel mio ufficio, che ha un affaccio in strada, era semplicemente Idy. Da anni era una presenza costante: bussava, entrava per poi andarsene regalandoti lo stesso sorriso sia quando riceveva qualcosa sia quando se ne andava a mani vuote. Non si può morire così'".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali