FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Investimento mortale in stazione a Cattolica, giornata nera per la linea Adriatica

La vittima, una donna, si sarebbe gettata sotto il treno. Pesanti ripercussioni per i viaggiatori

Tragedia alla stazione di Cattolica (Rimini) dove una persona è morta dopo essere stata investita da un treno in transito. L'incidente è avvenuto intorno alle 12: inutile l'intervento dei medici del 118 che hanno accertato il decesso. La linea Adriatica è stata chiusa in entrambi i sensi per accertare le cause dell'incidente: i treni hanno accumulato lunghi ritardi, con gravi disagi per i viaggiatori bloccati sul convoglio.

Donna travolta da un treno a Cattolica, disagi sulla linea Adriatica

I circa 500 passeggeri a bordo del Frecciabianca 8814 Lecce-Milano che ha travolto la donna sono rimasti fermi per quasi 6 ore in attesa del nulla osta della Procura per spostarlo. Si è presa in esame l'ipotesi di trasbordo su altro treno in linea, ma non è stato possibile per motivi di sicurezza. I passeggeri sono stati quindi portati nella stazione di Rimini e fatti salire su un nuovo convoglio.

I passeggeri hanno lamentato sia la mancanza di assistenza (non sono stati distribuiti acqua e generi di conforto) sia il fatto che il treno è stato disalimentato e l'aria condizionata spenta, tanto che molti passeggeri sono scesi sui binari per evitare il calore all'interno del convoglio. "Visto l'allungamento dei tempi e del disagio, sarà predisposto il rimborso integrale del biglietto, come segnale di attenzione da parte dell'azienda", fa sapere Trenitalia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali