FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Dieci anni senza Tommy, la mamma: "Non date permessi-premio al killer"

Mario Alessi, condannato allʼergastolo per lʼuccisione del bimbo di 18 mesi, potrebbe ottenere di uscire dal carcere di giorno per lavorare

Dieci anni senza Tommy, la mamma: "Non date permessi-premio al killer"

Tommaso Onofri aveva solo 18 mesi quando fu ucciso da Mario Alessi a Casalbaroncolo (Parma) durante un tentativo di sequestro. E ora, a 10 anni di distanza, l'assassino del piccolo Tommy, condannato all'ergastolo, potrebbe ottenere il permesso-premio per uscire dal carcere, di giorno, per lavorare. La mamma del bimbo, Paola Pellinghelli, non ci sta. "Se dovesse succedere - dice - urlerei così tanto che qualcuno, prima o poi, mi ascolterebbe".

"Vorrei ricordare che fra me e lui sono io che sto scontando l'ergastolo: la mia condanna è non avere più Tommy", aggiunge la donna. "Spero che davanti a un'eventuale richiesta per il permesso-premio - prosegue - il giudice valuti con responsabilità tutta la storia di questo mostro, tutte le sue bugie".

"Nel 2006 - ricorda - me lo sono ritrovato in casa come muratore perché qualche giudice aveva deciso che potesse stare in libertà dopo la condanna per stupro e rapina. Di quelle condanne io non sapevo assolutamente nulla". "Non vorrei che qualche altro giudice - afferma - gli desse nuovamente credito".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali