FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Catania, "inchino" mafioso nella precessione? Aperta unʼinchiesta

Il percorso deviato del Venerdì Santo a San Michele di Ganzaria non convince gli inquirenti e il caso finisce in un fascicolo dei carabinieri di Caltagirone. I fedeli negano: deviazione fatta solo per la tradizione

Catania, "inchino" mafioso nella precessione? Aperta un'inchiesta

Un percorso deviato non convince gli investigatori, e la processione del Venerdì Santo a San Michele di Ganzaria, in provincia di Catania, finisce in un fascicolo dei carabinieri di Caltagirone per un presunto "inchino" al boss del paese. Secondo gli inquirenti durante la processione il Cristo morto portato in spalla da una ventina di persone ha abbandonato il tragitto ufficiale raggiungendo la casa del mafioso Francesco La Rocca, detenuto in regime di 416 bis.

Al momento della deviazione il sindaco di San Michele, Gianluca Petta, si è subito dissociato, così come il parroco e il comandante della stazione dei carabinieri. Ma intanto gli autori della variazione negano che sia stata fatta per assecondare Casa Nostra: avrebbero cambiato percorso solo per rispettare la tradizione. Sarà. Intanto gli investigatori stanno visionando alcuni filmati e stanno ascoltando diversi testimoni: non sarebbe, purtroppo, il primo inchino mafioso durante una festa religiosa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali