FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Caso Pamela, la mamma punta il dito contro la comunità: "Hanno delle responsabilità"

A Mattino 5 la donna accusa il centro di recupero e si augura il massimo della pena per gli assassini della figlia

Dopo il dolore la rabbia. La mamma di Pamela Mastropietro è davvero furiosa e lo dice chiaramente ai microfoni di Mattino cinque: “La devono pagare, pene massime senza sconti”. Alessandra Verni ce l’ha ovviamente con i nigeriani arrestati per la morte della figlia 18enne, trovata senza vita, a pezzi, a Pollenza, vicino a Macerata. Poi però punta il dito anche contro la comunità di recupero dove era ospitata la ragazza, comunità che la giovane aveva lasciato di nascosto il giorno della sua scomparsa.

“Penso sia successo qualcosa lì e non capisco cosa, dovreste parlare con loro”, prosegue la donna. “C’è una responsabilità da parte di varie strutture”, accusa ancora la mamma di Pamela. “Il razzismo non c’entra niente con la morte di mia figlia – continua Alessandra – i criminali sono sia bianche che neri”. Però “questi neri non ci dovevano stare in Italia perché avevano il permesso di soggiorno scaduto e avevano precedenti”, si sfoga ancora la donna. Infine il pensiero torna ancora alla sua “bambina”, che da grande sognava di fare la criminologa: ”Spero che da lassu’ stia dando una grande mano a prendere questi bastardi”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali