FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Napoli, tutte le sale operatorie della Regione sono occupate: muore 42enne

I parenti di Francesca Napolitano hanno sporto denuncia e i carabinieri hanno sequestrato la cartella clinica

Napoli, tutte le sale operatorie della Regione sono occupate: muore 42enne

Una donna di 42 anni, Francesca Napolitano, è morta poiché la notte tra l'8 e il 9 marzo nessuna delle 9 cardiochirurgie campane, 5 pubbliche e 4 private, aveva una sala operatoria libera. Giunta all'ospedale San Paolo di Napoli in gravi condizioni per una miocardite con versamento pericardico, è stata trasferita al Monaldi nonostante il "no" della struttura ed è deceduta 2 ore dopo. I familiari hanno sporto denuncia, sequestrata la cartella clinica.

Il "no" del Monaldi - Il trasferimento al Monaldi, come detto, è stato disposto nonostante l'ospedale avesse chiarito come le due sale chirurgiche esistenti fossero entrambe impegnate, una per un trapianto di cuore e l'altra per un aneurisma dissecante dell'aorta in trasferimento dal Cardarelli.

L'intervento sulla paziente - Come racconta Il Mattino, i medici del nosocomio campano sono comunque intervenuti sulla paziente, residente a Bagnoli, utilizzando le sale della rianimazione con una pericardiocentesi. Ma alle 8 del mattino un arresto cardiocicircolatorio ha causato la morte.

La salma è stata poi trasferita al Federico II dove verrà effettuata l'autopsia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali