FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Migranti, 10 centri accoglienza in precarie condizioni igieniche: blitz Nas

Sette sequestri e tre chiusure su ordine della Prefettura di Avellino. Nel mirino della Procura alcune coop che gestivano le strutture. Coinvolta anche una società di Mafia Capitale

Migranti, 10 centri accoglienza in precarie condizioni igieniche: blitz Nas

Sette centri di accoglienza per immigrati nell'Avellinese sono stati messi sotto sequestro dai carabinieri dei Nas per pessime condizioni igieniche, qualità del cibo e stato di conservazione degli edifici. Altre tre strutture sono state chiuse su disposizione della Prefettura di Avellino. L'inchiesta sui centri era stata avviata dalla Procura in seguito ad alcuni esposti della Cgil. Indagati vari responsabili delle coop che gestiscono i servizi.

L'ordinanza, emessa dal gip, dispone il differimento dei tempi dello sgombero dei centri in attesa di individuare una soluzione adeguata per sistemare gli immigrati al momento ospitati nelle strutture. Fra gli indagati ci sono anche alcuni fornitori di beni e servizi per la gestione dei centri.

Coinvolta anche società Mafia Capitale - Secondo fonti vicine all'inchiesta, anche una società già coinvolta in Mafia Capitale sarebbe tra quelle finite nel mirino della Procura per presunte irregolarità nella gestione dei centri di accoglienza per immigrati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali