FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Agguato a Napoli, donna ferita ha fatto da scudo al figlio

I killer le strappano il nipote che aveva in braccio e sparano. Attimi di paura. Donna e figlio feriti, illeso il bimbo

Una donna, Amalia Sepe, 57 anni, è rimasta ferita da colpi d'arma da fuoco in un agguato avvenuto nel Rione Don Guanella di Napoli. Ha fatto da scudo al figlio mettendosi sulla linea di tiro dei killer. L'obiettivo dei sicari, che hanno strappato  il nipotino dalle braccia della donna, era il 33enne Giuseppe Telese. Madre e figlio sono pregiudicati. Fallito il raid, i malviventi hanno abbandonato il bambino a terra scappando.

Napoli, fa scudo a figlio ma killer le strappano nipote e sparano

Non è la trama di un film ma la terrificante dinamica di un agguato avvenuto nel Rione Don Guanella di Napoli. Il tutto è successo davanti l'ingresso di via Don Guanella, dove abita Giuseppe Telese obiettivo del commando che, secondo i primi accertamenti della polizia, era composto da almeno due persone.

La madre, che stava tornando a casa con le buste della spesa in mano e il nipotino in braccio, ha trovato davanti a sé i killer: è stata raggiunta da due colpi di pistola, al basso addome e all'inguine. Il suo coraggioso gesto ha salvato la vita al figlio. Anche se ci sono stati attimi di terrore per la sorte del nipotino. La donna è stata soccorsa da un'ambulanza del 118 e ora si trova nell'ospedale Cardarelli. Non è in pericolo di vita Giuseppe Telese, ferito di striscio a una caviglia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali